Obelisco Vaticano

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Obelisco Vaticano Piazza San Pietro Roma (RM) L’ Obelisco Vaticano, insieme con quelli di Piazza dell’ Esquilino e Piazza del Quirinale, non ha i lati decorati. E’ ipotizzabile che questi obelischi fossero portati a Roma non finiti direttamente dal luogo di scavo, attribuendo la mancanza di decorazione o di iscrizioni ad una prematura morte del faraone che li aveva commissionati. La rilevanza dell’ Obelisco Vaticano è data soprattutto dall’ importanza dello scenario che lo circonda. E’ di granito rosso ed è alto oltre 25 metri. In origine doveva raggiungere i 45 metri, ma forse si ruppe durante l’erezione, su ordine di Augusto, nel Foro Giulio di Alessandria. Nel 37 d.C. l’imperatore Caligola ne ordinò il trasferimento a Roma, dove fu eretto nel Circo Vaticano o di Caligola e Nerone. Secondo la tradizione, in questo luogo furono martirizzati numerosi cristiani tra cui lo stesso San Pietro. Il fatto che, al contrario degli altri, questo obelisco si sia sempre conservato in piedi, è attribuito appunto all’ importanza che esso rivestiva per il popolo che lo considerava testimone di tali luttuosi eventi. Ed è certo poi che, data la sua vicinanza agli edifici circostanti, se fosse stato abbattuto, avrebbe rischiato di schiantarsi su di essi. Dal luogo della prima collocazione romana fu spostato a seguito dei vicini lavori per l’edificazione della Basilica di San Pietro. Dopo vari progetti non eseguiti, il trasporto al centro della Piazza San Pietro fu attuato grazie alla ferma volontà di papa Sisto V, che affidò direttamente a Domenico Fontana (1543-1607) il grandioso progetto. Nell’ occasione fu esaminato anche il contenuto del globo al culmine (oggi conservato nei Musei Capitolini) che si credeva contenesse le ceneri di Cesare, ma non vi fu trovato null’ altro che polvere. Esiste un gran numero di incisioni coeve che illustrano, come in un moderno reportage, le fasi del macchinoso trasporto. La ricollocazione nella Piazza, che avvenne senza alcun incidente ed in tempi assai brevi, fu seguita con ansia da tutta la popolazione che l’ultimo giorno portò in trionfo Domenico Fontana. L’obelisco fu eretto “nel tramontar del sole” del 10 settembre 1586. Scopri anche: Miti e Leggende – Obelisco Piazza San...

Leggi

Obelisco Flaminio

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Obelisco Flaminio Piazza del Popolo Roma (RM) L’Obelisco Flaminio in Piazza del Popolo è uno dei più importanti obelischi di Roma. I lati furono decorati per ordine dei faraoni Seti I e di suo figlio Ramses II. Fu il primo ad essere portato dall’ Egitto a Roma e questa operazione fu di tale grandiosità che addirittura la nave utilizzata per trasportarlo fu per anni esposta a Roma. Nel 10 a.C. fu collocato nel Circo Massimo a commemorazione della conquista dell’Egitto da parte di Augusto. Nel IV secolo era ancora in piedi ma in seguito ne fu persa la memoria per circa un millennio. Solo nel XVI secolo ne furono rinvenuti alcuni frammenti, ma fu solo durante il pontificato di Sisto V che fu intrapresa una seria campagna di ricerca e scavo. Dopo il tentativo, infruttuoso, di cedere l’obelisco all’abate di S. Paolo, perché ne adornasse la basilica, ed il progetto fallito di ornare con esso la chiesa di S. Croce in Gerusalemme, fu infine scelta come destinazione la piazza del Popolo. La riedificazione in quel luogo, nel 1589, serviva a sottolineare la grande importanza della Piazza, monumentale accesso alla città dal Nord, poco dopo che papa Sisto V aveva stabilito, con Bolla, che la chiesa di S. Maria del Popolo venisse considerata una delle “sette chiese” che i pellegrini dovevano visitare in Roma, in sostituzione della basilica di S. Sebastiano, considerata troppo fuori mano. Fino al 1589, unico ornamento della piazza era stata la fontana voluta da papa Gregorio XIII. Nel corso dei secoli lo spazio subì varie modificazioni, assumendo l’assetto attuale solo a cavallo tra XVIII e XIX secolo. Di conseguenza anche la sistemazione dell’obelisco subì dei cambiamenti: la sua base venne rialzata e furono aggiunte ai suoi piedi le fontane in forma di leone in stile egizio. Oggi è il coronamento delle tre strade che convergono sulla piazza da Sud – il cosiddetto “tridente” – e l’assetto generale costituisce una delle più splendide sistemazioni di un obelisco in tutto il...

Leggi

Obelisco Sallustiano

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Obelisco Sallustiano  Piazza della Trinità dei Monti Roma (RM)   Al contrario di altri obelischi portati a Roma senza iscrizioni e rimasti tali, l’ Obelisco Sallustiano, insieme con quello di piazza Navona e del Pincio, fu decorato con geroglifici dopo il trasporto. L’ Obelisco Sallustiano, ovvero quello di Trinità dei Monti è alto quasi 14 metri, è di granito rosso e fu decorato con una copia di una antica iscrizione presente sull’ obelisco di piazza del Popolo. Ma l’esecuzione fu abbastanza imprecisa tanto che alcuni segni risulterebbero scolpiti a rovescio. Questa pratica della copia non deve stupire perché anche in Egitto essa era abbastanza nota e diffusa. Non è nota la data del trasporto a Roma, ma è certo che esso fu eretto all’inizio negli Horti Sallustiani, tra il Quirinale ed il Pincio, e che, alla morte dei proprietari, la proprietà di esso e degli Horti passò all’imperatore Tiberio. Rimase fortunosamente indenne ed in piedi nel corso delle devastazioni del 410 per mano di Alarico e dei Goti. Ma infine cadde anche se non fu mai del tutto perso e dimenticato. Sisto V avrebbe voluto erigerlo davanti alla chiesa di S. Maria degli Angeli. Circa un secolo dopo Athanasius Kircker, che aveva scoperto il segreto della sua iscrizione, ne propose le rierezione a papa Alessandro VII, ma fu solo nel 1734 che papa Clemente XII riuscì a farlo trasportare a Piazza S. Giovanni, presso la Scala Santa, dove peraltro non venne eretto. Anzi, in questo periodo ci furono trattative per un suo trasporto a Parigi. Alla fine papa Pio VI ne decise, anche se in un coro di pareri negativi e in una certa preoccupazione da parte dei padri Minimi della Trinità che temevano per la facciata della loro chiesa, l’erezione in cima alla scalinata di Trinità dei Monti, che fu affidata all’architetto Antinori. I lavori furono ultimati nel...

Leggi

Obelisco Mussolini

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa Obelisco Mussolini Viale del Foro Italico Roma (RM) La creazione dell’ Obelisco Mussolini avvenne a seguito dell’offerta, nel 1927, da parte di una commissione di industriali in nome del popolo di Carrara di un gigantesco monolite marmoreo da dedicare a Mussolini. Il progetto è di Costantino Costantini. Date le dimensioni, sia l’estrazione dalla cava sia il trasporto a Roma furono molto impegnativi e, come notavano alcuni, non esistevano più l’esperienza e le capacità che si erano sviluppate a Roma intorno al ‘500 per lo spostamento dei grandi obelischi egizi. Il monolite scese fino al mare su un convoglio trascinato da 60 coppie di buoi e per mare e risalendo il corso del Tevere fu condotto al luogo destinato su una nave speciale. Al contrario dei ponteggi in legno usati da Domenico Fontana, per l’erezione del monolite fu costruita una struttura in cemento armato. L’inaugurazione avvenne il 4 novembre...

Leggi

Obelisco Marconi

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa  Obelisco Marconi L’Obelisco Marconi edificato nel 1960 in occasioni delle ristrutturazioni per i giochi olimpici fu dedicato al geniale inventore italiano Guglielmo Marconi. Misura 45 metri di altezza e campeggia al centro della piazza che porta lo stesso nome. La stele è di cemento armato, opera di Arturo Dazzi, eseguiti fra il 1937 e il 1959, i pannelli raffigurano le imprese di Marconi ed altre scene allegoriche sono di marmo biancorivestito con 92 pannelli scultorei in marmo lunense. Attualmente sul prato che lo circonda è stata posizionata una statua di colossali dimensioni che raffigura una figura di uomo nell’atto di affondare/emergere dalla terra dell’americano Seward Johnson dal titolo “Awakening”: il...

Leggi

Fontana dell’Acqua Felice

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Fontana dell’Acqua Felice  Piazza di San Bernardo Roma (RM)   La Fontana (o Mostra) dell’Acqua Felice, anche detta del Mosè in virtù della colossale statua collocata nella nicchia centrale, prende il nome dal primo acquedotto romano di epoca moderna.tra 1585 e 1587 Matteo Bortolani e Giovanni Fontana (fratello di Domenico) ne concepirono il riadattamento realizzando l’acquedotto dell’Acqua Felice, così chiamato dal nome del Papa (Sisto V, al secolo Felice Peretti) che ne commissionò la costruzione. L’acquedotto fu destinato alla fornitura idrica delle aree dei colli Quirinale e Viminale. Ma l’intenzione principale fu probabilmente quella di approvvigionare la villa del Papa (villa Montalto), che estendeva la sua superficie sui due colli. La conduttura idrica entrava in città presso porta Tiburtina (a quei tempi chiamata porta San Lorenzo) e terminava nella Fontana del Mosè, situata oggi in piazza San Bernardo, all’incontro tra via XX Settembre e via del Quirinale. I materiali di costruzione della fontana sono marmo, stucco e travertino, la maggior parte del quale fu prelevata dalle Terme di Diocleziano. L’architettura della fontana prevede tre nicchie sorrette da colonne ioniche. Nelle due nicchie laterali sono situati altorilievi che rappresentano episodi della Bibbia che hanno attinenza con l’acqua. A sinistra “Aronne guida il popolo ebreo all’acqua scaturita dal deserto“(statua realizzata, insieme alle sculture, da Gian Battista della Porta) e a destra “Gedeone sceglie i soldati osservando il loro modo di bere“ (opera di Pietro Paolo Olivieri e Flaminio Vacca). In quella centrale è invece situata la enorme statua del Mosè, alta più di quattro metri, la cui realizzazione fu iniziata da Prospero Antichi ed ultimata da Leonardo Sormani. Le fattezze della statua risultano tozze e piuttosto ridicole, tanto da avergli fatto meritare il nome di “Mosè ridicolo”, attribuitogli dai consueti toni sarcastici dei romani dell’epoca, che gli dedicarono anche alcune pasquinate. L’imponente costruzione appare nel suo complesso disarmonica, una miscellanea di stili tra loro differenti che donano alla fontana un aspetto sproporzionato e, relativamente alla statua del Mosè, addirittura grottesco. Un risultato che potrebbe derivare dall’urgenza con cui Sisto V fece realizzare l’opera. La fontana è comunque degna di interesse in quanto è il risultato degli interventi scultorei ed architettonici di parecchi artisti importanti e rappresenta la prima fontana di Roma costruita appositamente con funzione di mostra...

Leggi

Colonna Traiana

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Colonna Traiana  Via dei Fori Imperiali Roma (RM)   La Colonna Traiana s’innalza di fronte alle chiese della Madonna di Loreto e del SS. Nome di Maria, accanto ai resti della basilica Ulpia: l’insieme costituisce uno degli spazi più caratteristici e celebri di Roma. Arrivata sino a noi quasi intatta, aveva la funzione di sepolcro dell’imperatore Traiano e poggia su di un alto basamento a dado decorato con bassorilievi. La porta d’ingresso conduce ad un ambiente dove era custodita l’urna con le ceneri dell’imperatore. Sopra l’entrata è un pannello, sostenuto da due Vittorie alate, con l’iscrizione di dedica a Traiano. La colonna è alta circa trenta metri ed è percorsa all’interno da una scala a chiocciola che conduce alla sommità. L’esterno si presenta come un libro antico (volumen) su cui è narrata la conquista della Dacia (attuale Romania), la più grande delle imprese militari dell’imperatore. Il racconto inizia con l’attraversamento del Danubio su un ponte di barche e termina con la deportazione dei Daci sconfitti.Tra costruzioni d’accampamento, battaglie, assedi e discorsi dell’imperatore alle truppe, la figura di Traiano compare almeno sessanta volte. L’originaria policromia, oggi scomparsa, e l’inserimento dei perduti elementi metallici rendevano particolarmente suggestiva la visione. La sommità della colonna era coronata da una statua di Traiano, scomparsa nel medioevo e sostituita da papa Sisto V con una statua di S. Pietro alla fine del XVI secolo. Autore del monumento è il cosiddetto Maestrodelle Imprese di...

Leggi

Area Archeologica del Palatino

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: a partire da 12,00 € Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa Area Archeologica del Palatino    I dati archeologici in realtà fanno supporre un’occupazione stabile del colle fin dal XIII secolo a.C. Per la sua importanza storica e religiosa il Palatino divenne, già dal VI secolo a.C., luogo di residenza della classe dirigente romana. Tra i resti di case repubblicane vanno ricordate la c.d. Aula Isiaca e la “Casa dei Grifi”, con stucchi e pareti dipinte. L’aspetto del Palatino cambiò notevolmente quando l’imperatore Ottaviano Augusto, che vi era nato, scelse di abitarvi. Dopo di lui tutti i successivi imperatori elessero il colle come loro dimora. Sorsero così i palazzi di Tiberio (Domus Tiberiana), di Nerone (Domus Transitoria e parte della Domus Aurea), dei Flavi (Domus Flavia e Domus Augustana) e di Settimio Severo (Domus Severiana).  Alla fine dell’età imperiale tutto il colle era occupato da un’unica grande “reggia” detta, dal nome del colle, Palatium, termine poi passato a designare prima il palazzo per eccellenza, quello dell’imperatore, quindi ogni residenza di tipo monumentale. Nel XVI secolo, per iniziativa del cardinale Alessandro Farnese, sopra la Domus Tiberiana sorse una grandiosa villa (Orti Farnesiani) in seguito quasi completamente distrutta. Scavi sistematici dell’area iniziarono dal XVIII secolo e sono tuttora in corso. I ritrovamenti effettuati sono in parte visibili nel Museo...

Leggi

Acquedotto Marcio

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: a partire da 3,00 € Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa Acquedotto Marcio Piazza di Porta San Lorenzo, 1 Roma (RM) Telefono 060608 L’ Acquedotto Marcio fu uno tra i più lunghi acquedotti romani, percorreva esattamente 91,208 km. Prende il nome dal pretore Quinto Marcio Re che lo costruì nel 144 a.C. Le sorgenti, si trovano nell’alta valle dell’ Aniene, vicino Arsoli, e fin dall’ antichità l’Acqua Marcia godette fama di acqua eccellente.Un bel tratto è visibile nella zona del Casale di Roma Vecchia, dove il suo speco era sormontato da quello della Tepula e della Giulia, con i quali condivide il percorso fino a Porta Tiburtina. Lunghi tratti dell’acquedotto furono utilizzati e distrutti per l’acquedotto Felice. Tratti su arcate sono ancora visibili a Tor Fiscale, al Mandrione e tra Porta Maggiore e Porta Tiburtina. L’Aqua Marcia subì consistenti opere di restauro da parte di Agrippa nel 33 a.C. e di Augusto tra l’11 e il 4 a.C.: quest’ultimo, potenziò la portata del condotto con la captazione di una nuova sorgente detta Augusta. I restauri di Augusto sono ricordati sull’attico di Porta Tiburtina, dove sono menzionati anche le importanti opere di restauro eseguite da Tito nel 79 d.C. e da Caracalla nel 212-13 Altri restauri furono eseguiti da Adriano e dai Severi. Con la costruzione delle grandi terme di Diocleziano, alimentate dall’acqua Marcia, fu necessaria la costruzione di un canale supplementare. Restauri delle stesso Diocleziano sono riscontrabili lungo il condotto mentre fonti epigrafiche documentano anche interventi eseguiti da Arcadio e Onorio. L’acqua Marcia veniva erogata in ben 10regiones; il Celio e l’Aventino venivano alimentati dal rivus Herculaneus, che si staccava dalla Marcia poco prima di Porta Tiburtina e in condotto sotterraneo raggiungeva Porta...

Leggi

Teatro Marcello

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa Teatro Marcello  Via del Teatro di Marcello Roma (RM) L’edificio di Teatro Marcello sorse nel luogo dove venivano svolti già in precedenza spettacoli teatrali, con strutture mobili di legno che occupavano una parte del lato curvo del Circo Flaminio. Si conosce un successivo restauro dovuto a Vespasiano, limitato alla scena e da Alessandro Severo. Nel XIII secolo il teatro fu trasformato in fortezza e nel Cinquecento in palazzo signorile dalla famiglia Savelli; il palazzo, opera di Baldassarre Peruzzi, fu acquistato nel Settecento dagli Orsini. Negli anni 1926-1932 la parte inferiore, corrispondente alle strutture romane, fu acquistata dal Comune di Roma, liberata dagli edificiche vi si erano addossati e restaurata. Il teatro è l’unico dei tre stabili di Roma (insieme al Teatro di Pompeo e al Teatro di Balbo) del quale si conserva gran parte della facciata esterna. Questa era tutta in travertino e presentava in origine 41 arcate inquadrate da pilastri con semicolonne, doriche quelle del piano inferiore, ioniche quelle del piano superiore; il terzo piano, ora del tutto perduto, presentava un attico chiuso con lesene corinzie. Sulle chiavi degli archi erano grandi maschere teatrali in marmo; l’altezza complessiva dell’edificio doveva essere di circa 33 metri, mentre la capacità della cavea (di 130 metri di diametro) era di 15.000 spettatori, potendo arrivare a 20.000 in condizioni particolari, come riportano anche i Cataloghi Regionari. Oltre l’orchestra era la scena, di modesta profondità, con prospetto probabilmente rettilineo, decorata da colonne e statue di marmi bianchi e colorati, era fiancheggiata dalle due aule o parasceni a triplice navata. Dietro la scena era una grande esedra, al centro della quale erano i due tempietti (della Pietà e, forse, di Diana) precedenti alla costruzione del teatro e inglobati in esso, rappresentati anche nella Forma Urbis Severiana. Il teatro, probabilmente ancora in funzione nel IV secolo d.C., era coperto da un velario; le fonti riportano inoltre che vi erano 36 vasi bronzei per facilitare...

Leggi

Pin It on Pinterest