Rione Monti, un angolo vintage della capitale

Rione Monti, un angolo vintage della capitale Rione Monti è oggi, ma forse anche da sempre, uno dei quartieri più caratteristici della Capitale. A pochi passi dal Colosseo e da via dei Fori Imperiali venne chiamato così perché alle sue origini comprendeva il colle Esquilino, il Viminale, e parte dei colli Celio e Quirinale. Il Rione è caratteristico per i suoi laboratori artigianali, gallerie e locali, dove potrete fermarvi per un aperitivo o una degustazione di vino, ed anche per i suoi ristoranti in cui troverete sicuramente piatti tipici romani. Una delle cose che ad oggi lo rende così particolare come quartiere, è la presenza di numerosi negozi e mercatini Vintage. Piccole Botteghe in cui troverete pezzi unici ed originali che hanno fatto la storia della moda, ad un prezzo moderato! Borse, scarpe, occhiali e musica anni 80! Nel momento in cui entrate, sarà un salto nel passato. Rione Monti – Ottobrata Monticiana L’ Ottobrata Monticiana è una storica ricorrenza popolare romana all’ insegna della musica, dell’ arte, della letteratura e di degustazioni enogastronomiche. 3 Giorni di spettacoli teatrali, live music, sia nei locali che in piazza, letture di poesie, visite guidate, sfilate di moda in qualche negozietto Vintage caratteristico del quartiere, mercatini e chi più ne ha più ne metta! Quest’ anno alla sua XXVII° edizione l’ Ottobrata Monticiana si svolgerà da Venerdì 11 Ottobre a Domenica 13 con gli Autorevoli Patrocini del Comune di Roma e della Regione Lazio. La festa inizierà nel pomeriggio di Venerdi 11, circa alle 18 :00 per tenervi aggiornati sui singoli eventi potete consultare la pagina Facebook dell’ Evento: https://www.facebook.com/events/314989708643822/      ...

Leggi

Trastevere | La vera Roma

Trastevere, dove poter vivere l’anima della città di Roma Il quartiere di Trastevere si sviluppa sulla riva destra del fiume Tevere, nel primo Municipio della città. E’ oggi uno dei quartieri più belli e più caratteristici di Roma. Il nome deriva dal latino trans Tiberim che tradotto vuol dire al di là del Tevere. La zona fu infatti la prima ad essere costruita sulla sponda ovest del fiume in opposizione al resto della città sviluppatasi solo nella parte est. Trastevere, rimase quindi per molto tempo l’unico Rione romano considerato “fuori dalla città”, ai tempi della nascita di Roma era collegato con la sponda est semplicemente da un unico ponte in legno chiamato il Sublicio. Non molto popolata come zona residenziale durante l’eta repubblicana, fu invece il crocevia per buona parte della popolazione che si dedicava alla pesca, per migranti Ebrei e provenienti dall’ Oriente.  Solo durante il periodo imperiale Trastevere vide sorgere le prime abitazioni signorili. Caratteristica che ha sempre reso unico questo quartiere è il suo stretto labirinto di viottoli. Le strade si intersecano una con l’altra e nel passato erano difficili da percorrere; infatti soltanto verso la fine del quattrocento Papa Sisto IV decise di costruirle con dei mattoni di laterizi e poi con i Sampietrini, che troviamo tutt’ora. Trastevere è oggi, come un tempo, uno dei quartieri più coloriti e tipici di Roma. I suoi abitanti i Trasteverini per molto tempo sono stati un a popolazione a sé stante rispetto al resto del popolo romano, conducevano quasi tutti una vita molto popolare ed erano conosciuti per la loro genuinità;  è qui che potrete sentire parlare il vero dialetto Romano. Case popolari fanno da sfondo in una passeggiata per le stratte viette che la caratterizzando e ad ogni angolo potete trovare una tipica Osteria Romana, o un locale, visto che di notte è una delle zone più frequentate della Città.  Nel cuore di Roma, oltre a rispecchiare la città è anche un ambiente Multiculturale. Sia di sera che di giorno è circondata da turisti, studenti stranieri, ragazzi tutti affascinati dalle meraviglie che offre questo quartiere. Oltre al contesto scenico Trastevere ci regala anche alcuni tra i tesori di Roma, come la Basilica di Santa Maria in Trastevere , Piazza Sant’ Egidio, Piazza della Scala ed è anche il luogo dove viene celebrata una delle feste più sentite dal popolo romano : la festa de’ Noantri, risalente al 1500....

Leggi

Via Margutta : La quiete nel caos Romano

Via Margutta : La quiete nel caos Romano Musa ispiratrice per una serie di film, libri e canzoni, Via Margutta è un piacevole rifugio per chi vuole fuggire dal caos del Tridente Romano. Parallela a via del Babuino, è indubbiamente meno caotica e commerciale. Per cui, se volete godervi una tranquilla passeggiata senza smog, auto e file di turisti, basta solo cercare rifugio nell’ incantevole Via Margutta, per essere catapultati in un altra dimensione. Il nome della via, che gli venne dato dai pittori che ne furono i primi abitanti, fa riferimento a un eroe di un poema comico del Rinascimento. Edera e rampicanti decorano in maniera naturale le facciate delle antiche palazzine, i negozi d’abbigliamento che riempiono il Centro Storico lasciano spazio alle gallerie d’arte e antiquariato, alle botteghe d’artigianato, ai laboratori di restauro o di lavorazione di materie prime come legno o marmo, e  a ristoranti storici unici nel loro genere. Un tempo Via Margutta, considerata il “retro” dei palazzi di Via del Babuino, era occupata solo da orti, stalle e  magazzini.  Divenne un vero e proprio complesso abitativo solo quando un  faccendiere dello Stato Vaticano, durante il periodo di papa Pio IX, ottené il permesso di delinearla e costruirci un impianto fognario. Le splendide palazzine che percorrono la via erano inizialmente le sedi delle accademie di pittori o scultori che avevo scelto Via Margutta per il suo fascino. Oggi sono diventate quasi tutte abitazioni private, come “Palazzo Patrizi Nari”, e se, camminando furtivamente, riuscite a trovare aperto uno dei cancelli che delimitano la zona residenziale sulla parte sinistra, quella ai piedi di Villa Borghese, potete scorgere come l’interno di alcuni appartamenti, dal pian terreno fino ai piani più alti, sia rimasto intatto e originale come un tempo: soffitti alti, finestre grandi, piccoli balconcini adornati da fiori. In alcuni periodi dell’ anno potete trovare lungo la strada la mostra dei “100 pittori”, una vera e propria associazione di pittori che porta avanti questa iniziativa dal 1953. Attorno anni ’50 diventa la residenza di uno dei più grandi registi italiani: Federico Fellini. Come lui anche Anna Magnani, Giulietta Masina e Giorgio de Chirico furono alcuni tra i personaggi famosi ad possedere un appartamento in Via Margutta. Scelta come location per un’infinita serie di film e sceneggiati, tra le quali spiccano alcune scene del film di William Wyler “Vacanze Romane”, con Audrey Hepburn, Via Margutta mantiene ancora le caratteristiche, i colori e gli odori che fecero affascinare tutto il Jet-set di Cinecittà, la Hollywood italiana...

Leggi

Largo Argentina – Area Sacra

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Largo Argentina – Area Sacra Viale Enrico De Nicola, 78 Via di San Nicola de Cesarini Roma (RM)     Largo Argentina è una Piazza di Roma situata nella zona di Campo Marzio che comprende antichi edifici, dalla incerta identificazione, i quali vengono indicati convenzionalmente con le prime lettere dell’alfabeto A-B-C-D. Di fronte ai templi si trovava un portico, ora in parte visibile sotto le moderne scale d’ingresso all’area, identificato come Porticus Minucia Frumentaria ovvero il luogo dove avvenivano le distribuzioni gratuite di grano al popolo romano. Tutta l’area si estende su lastricato di travertino  risalente all’epoca dell’imperatore Domiziano (81-96 d.C.). Il più antico dei quattro templi è il tempio C, il terzo dal lato nord (lato di Largo Argentina). Risalente agli inizi del III secolo a.C., si tratta sicuramente del tempio di Feronia, divinità italica originaria della Sabina, edificato da Curio Dentato dopo la vittoria sui Sabini nel 290 a.C. Segue cronologicamente il tempio A, il primo sul lato nord, databile alla metà del III secolo a.C. L’edificio ha subito diverse trasformazioni nel corso dei secoli, fino ad essere inglobato nella Chiesa di S. Nicola de’ Calcarario nel Medio Evo. Si tratta probabilmente del tempio di Giunone Curitis o di quello di Giuturna. Di fianco al tempio, sul lato nord, sono visibili i resti del grande portico detto Hecatostylon (delle cento colonne) con il quale l’area sacra confinava. Dietro al tempio A sono i resti di una latrina pubblica, appartenente al complesso del vicino portico di Pompeo (oggi non visibile). Di quest’ultimo faceva parte anche l’esedra quadrangolare posta tra i templi C e B, identificata con la Curia del Teatro di Pompeo, dove nel 44 a.C. fu ucciso Giulio Cesare. Successivamente, agli inizi del II secolo a.C., venne edificato il tempio D. Identificato conil tempio dei Lari Permarini o delle Ninfe, oggi è in parte coperto da Via Florida. L’ultimo tempio, il tempio B, costruito alla fine del II secolo a.C., era dedicato probabilmente alla “Fortuna del giorno presente” (Fortuna huiusce diei). Accanto ad esso fu rinvenuta una statua, con parti di marmo, bronzo e materiale prezioso, di divinità femminile, probabilmente la statua di culto del tempio. Dietro i templi A e B, si trovano alcuni ambienti, databili alla prima metà del I secolo d.C., ritenuti gli uffici dell’amministrazione delle acque di Roma (Statio acquarum). Agli inizi del VI secolo d.C. l’area subì profonde trasformazioni, di cui purtroppo gli scavi degli anni Trenta hanno cancellato quasi del tutto le tracce....

Leggi

Biblioteca Angelica

La Biblioteca Angelica La Biblioteca Angelica venne fondata nel 1604 e fu la seconda biblioteca pubblica istituita in Italia, dopo quella Malatestiana di Cesena attiva fin dal 1454. La sua collezione iniziale e l’apertura pubblica si devono al lascito del vescovo marchigiano Angelo Rocca (1546-1620), da cui prese il nome. Alla sua morte il vescovo, affidò la propria raccolta ai frati del suo ordine presenti a Roma, dotandola di proprie rendite e prescrivendone l’apertura a tutti, senza limite di sorta. La sua collezione conta: 200.000 volumi, 2.700 manoscritti, 1.100 incunaboli, 600 periodici, 2.719 microfilm, 29 cd-rom oltre ad una vasta raccolta di volumi contemporanei che è possibile anche prendere in prestito. Dal 1940 l’Angelica è sede dell’Accademia letteraria dell’Arcadia, di cui conserva, tra l’altro, il patrimonio librario (circa 4000 pezzi). Dal 1975 dipende dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Si trova in piazza Sant’  Agostino accanto alla Basilica di Sant’Agostino in campo...

Leggi

Ponte Milvio

Ponte Milvio  Conosciuto anche come il ponte dell’amore e di Costantino, Ponte Milvio è oggi il passaggio pedonale famoso per i lucchetti dell’amore appesi ai lampioni dagli innamorati, ma anche meta prediletta nonché punto di incontro per i giovani romani che la sera amano divertirsi nei tanti e diversi locali che la zona offre. Il ponte, conosciuto popolarmente anche come “Ponte Mollo” dai residenti, si trova in direzione Foro Italico e collega i quartieri Flaminio, Parioli, Della Vittoria e Tor di Quinto. La sua storia, a dispetto delle mode odierne, è antichissima: le prime notizie risalgono al 207 a.C., quando il ponte aveva ancora l’aspetto di un instabile passaggio in legno, sovrastante le acque del fiume. Solo nel 109 a.C. Marco Emilio Scauro fece costruire la struttura in muratura. La fama di Ponte Milvio è legata soprattutto alla famosa battaglia del 312 a.C. tra Costantino e Massenzio, la cui leggenda narra che l’imperatore trovò il coraggio per vincere il nemico grazie alla visione di una scritta in cielo, recante la frase “In hoc signo vinces” (“Con questo segno vincerai”). Nel 1849, durante l’assedio francese a Roma, il ponte crollò per mano dei garibaldini in difesa della città e solo con il restauro del 1850, voluto da Pio IX, venne salvato dal completo abbandono, finché i lavori non vennero terminati sotto papa Pio VII. Lungo 222 metri e largo 30 metri, Ponte Milvio ha una forma lineare con una sola arcata in cemento armato. Sui quattro piloni marmorei posti alle testate della struttura, l’artista toscano Vico Consorti  scolpì dei solenni altorilievi delle battaglie combattute durante la prima guerra mondiale sui fiumi Isonzo, Tagliamento, Sile e Piave....

Leggi

Isola Tiberina

Isola Tiberina L’ Isola Tiberina è l’unica isola urbana del Tevere, al centro di Roma, riconoscibile anche dalla sua forma simile a una nave. È collegata alla terraferma dal Ponte Fabricio e si trova proprio di fronte alla Sinagoga ebraica. Edificato nel 62 a.C., il Ponte Fabricio è l’unico ponte romano rimasto intatto senza interventi di restauro. La leggenda più popolare legata all’origine dell’ Isola Tiberina, narra che nel 510 a.C., al momento della cacciata da Roma del re Tarquinio il Superbo, gli abitanti della città gettarono nelle acque del Tevere tutta la sua preziosa raccolta di grano che si accumulò, mista a fango, tanto da creare appunto un’isola. Nell’antichità l’ Isola Tiberina fu anche il luogo prediletto per il culto delle divinità, tra cui quello del dio della medicina Esculapio. In seguito alla pestilenza che stava decimando la popolazione nel 293 a.C. fu costruito un tempio in suo onore, e la leggenda narra che dopo la costruzione l’epidemia cessò. Sul sito del tempio oggi sorge la Chiesa di San Bartolomeo, risalente al X secolo e voluta da Ottone III di Sassonia, re d’Italia e di Germania. Le colonne della Chiesa di San Bartolomeo, probabilmente, appartenevano all’antico tempio. La chiesa è molto suggestiva; all’interno è possibile ammirare un antico pozzo sui gradini dell’altare, intagliato con figure relative alla fondazione della chiesa, compreso lo stesso San Bartolomeo, raffigurato anche nel crudo dipinto sopra l’altare che ne rappresenta il martirio. La maggior parte del territorio dell’ Isola Tiberina è occupato dal più vecchio ospedale di Roma, il Fatebenefratelli, fondato nel 1548. Nel tratto di fiume subito a est dell’isola si possono vedere i ruderi del Ponte Rotto, vestigia del primo ponte di pietra sul Tevere, costruito tra il 179 e il 142 a.C. e crollato alla fine del XVI secolo. D’estate l’Isola Tiberina si trasforma nell’Isola del Cinema, ospitando turisti che accorrono da tutto il mondo per vedere i film stranieri proiettati su uno schermo all’aperto, sulla piccola piazza dell’isola.  La passeggiata a bordo fiume fa parte oggi delle consuetudini...

Leggi

Piazza Venezia e il Vittoriano

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: Gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Piazza Venezia e il Vittoriano   L’aspetto attuale di Piazza Venezia deriva largamente dagli interventi di demolizione e ricostruzione realizzati tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Va ricordato in particolare il Vittoriano, costruito appunto a cavallo dei due secoli, colossale monumento a Vittorio Emanuele II (spesso erroneamente identificato con l’Altare della Patria, che in realtà ne è solo una parte). Per realizzare l’enorme complesso si dovettero abbattere antiche costruzioni, tra cui il monastero dell’Aracoeli e la Torre di Paolo III; nell’immediata vigilia dell’inaugurazione (1911) venne spostato il palazzetto Venezia che, saldato all’angolo sudorientale di palazzo Venezia si frapponeva tra il monumento e la piazza, e uno dei più bei palazzi di Roma, la lussuosa residenza dei Torlonia (già demolita nel 1900). Nel 1929 Benito Mussolini lo scelse come sede del Governo e dal balcone pronunciava i suoi discorsi alle “adunate oceaniche” fasciste. Per questa ragione, la piazza, divenuta centro della città, fu proclamata “Foro d’Italia”. Il Vittoriano conserva i resti del Milite Ignoto, a ricordo dei soldati caduti senza degna sepoltura, vegliati incessantemente da due militari e da una fiamma sempre accesa. Il complesso del Vittoriano ospita periodicamente importanti mostre, oltre al Sacrario delle...

Leggi

Ponte Cavour, un Ponte nel Porto di Ripetta

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Ponte Cavour Lungotevere Marzio Roma (RM)   Il Ponte Cavour fu progettato dall’ architetto Angelo Vescovali, costruito negli anni tra il 1898 e il 1901 in sostituzione della passerella in ferro del ponte di Ripetta, istallata in forma provvisoria nel 1878. Il forte sviluppo edilidio della zona, influenzò le decidioni sulla necessità di un nuovo Ponte che collegasse meglio i confini della zona Prati e il Campo Marzio. Il Ponte è progettato a cinque archi in muratura, rivestito in travertino, lungo 112 metri e largo 20 e collega Prati a Campo Marzio. Sotto i piloni di Ponte Cavour sul “piagaro” – la piega del Tevere in cui si depositava la rena formando piccole spiagge – trovavano il fresco i romani, che, in occasione delle feste, vi si recavano per gustare le fave e la pasta con le “ciriole” (il tipico pesce di fiume), servita sugli “sciacquarelli” (palette di legno usate dai barcaroli per buttare fuori l’acqua dalle barche). Oggi come allora il Ponte ci offre una vista suggestiva della...

Leggi

Ponte Cestio

Apertura stagionale: Aperto tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: gratuito Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa   Ponte Cestio   Ponte Cestio è il ponte che collega l’Isola Tiberina a Trastevere. Il Ponte venne edificato (circa 46 a.C.) probabilmente da Lucio Cestio, lasciato da Cesare al governo di Roma durante la guerra di Spagna. Subì un primo restauro nel 152, ma fu completamente ricostruito nel 370 con materiali di reimpiego, provenienti anche dal vicino Teatro di Marcello, dagli imperatori Valentiniano I, Valente e Graziano. Numerosi furono i restauri e i rifacimenti nel corso dei secoli e anche il suo nome subì dei cambiament, fu detto “di Graziano”, fu poi denominato anche “ferrato” per la quantità delle catene di ferro necessarie per ancorare alla riva le mole pensili poste, con una macchina per farle girare, sopra dei barconi uniti assieme; una tecnica che fu resa necessaria per garantire una struttura in grado di fornire la farina alla città di Roma quando Vitige, nel 537, tagliò gli acquedotti che alimentavano i mulini sul Tevere. In seguito prese anche l’appellativo di “S.Bartolomeo” dalla vicina chiesa, la maggiore dell’Isola Tiberina. Nel 1892 il ponte fu parzialmente ricostruito aggiungendo all’arco centrale due grandi arcate laterali che però, dopo la piena del 1900, furono imbrigliate per ripristinare l’antico flusso. Le sue misure sono di metri 85 x 8, la parte esterna è costruita in travertino, in parte proveniente dal teatro di Marcello, e l’interna in tufo; sui parapetti in marmo, tuttora esistenti, è visibile l’iscrizione relativa al restauro del...

Leggi

Pin It on Pinterest