Infiorata Storica di Roma – 28 e 29 Giugno 2016

  Ogni 29 Giugno, in occasione della Festa dei Ss. Patroni di Roma Pietro e Paolo, Piazza San Pietro si trasforma in un museo a cielo aperto di tappeti floreali grazie all’Infiorata Storica di Roma. Una festa storica, riscoperta da Pro Loco Roma Capitale,  che conserva intatta ancora oggi la sua tradizione e bellezza nel tripudio di colori e nell’esaltazione dell’arte effimera. ORIGINI DELL’INFIORATA STORICA DI ROMA La manifestazione riprende l’antica tradizione storica di donare quadri floreali ai SS. Patroni di Roma Pietro e Paolo, realizzandoli davanti la Basilica di S. Pietro. La prima Infiorata Storica ebbe luogo il 29 giugno del 1625, durante il pontificato di papa Urbano VIII, proprio ai piedi della scalinata della Basilica ad opera di Benedetto Drei, responsabile della Floreria Vaticana, e di suo figlio Pietro. Per omaggiare la ricorrenza dei Santi Patroni la piazza venne ammantata di “fiori frondati e minuzzati ad emulazione dell’opere del mosaico”. Secondo i testi dell’epoca, Morto Benedetto Drei fu il grande Gian Lorenzo Bernini, principale artefice delle feste barocche a succedergli, ed è grazie a lui che “quest’arte floreale da Roma si divulgò” ai Castelli Romani, poi a Genzano e a Genazzano.  La tradizione si diffuse così a partire da Roma, ma proprio nella Capitale andò ben presto a scomparire. Oggi il fascino della tradizione e dell’arte effimera delle infiorate rivive nella sua città natale, in uno spettacolo unico, che per un giorno regala un’esperienza indimenticabile a chi la...

Leggi

Sagra del Carciofo Romanesco

66ª Sagra del Carciofo Romanesco Torna il prossimo 8,9 e 10 Aprile, a Ladispoli, l’immancabile appuntamento con la sagra del carciofo romanesco. L’evento sarà ricco di appuntamenti imperdibili che vi permetteranno di gustare e gustare questa specialità conosciuta in tutto il mondo. Ecco il programma delle giornate: Venerdì 8 Aprile Mattino: Allestimento stand e settori espositivi X Fiera Nazionale. Al suo interno, la X Fiera Nazionale, oltre all’esposizione di prodotti tecnologicamente innovativi propone: “Piazza dei SAPORI D’ITALIA” una rassegna di sapori e prodotti delle terre di: Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli, Lazio, Marche, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino, Umbria e Veneto. Negli stand posizionati in PIAZZA DEI CADUTI verranno effettuate degustazioni gratuite e vendita di specialità tipiche. Durante il corso della Sagra del Carciofo Romanesco si svolgeranno attività promozionali da parte dell’ARSIAL (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura nel Lazio). Nello Spazio Culturale di Piazza della Vittoria la mostra “Carciofi di tutta Italia” in collaborazione con ARSIAL ed i ragazzi del Servizio Civile Nazionale. Ore 10.00 PIAZZA DELLA VITTORIA: SPAZIO CULTURALE – XI edizione del premio “Ladispoli, la mia città” in collaborazione con le scuole secondarie di primo grado della città: • Istituto comprensivo “Ladispoli I” • Istituto comprensivo “Ilaria Alpi” • Istituto comprensivo “Corrado Melone”. dalle ore 15.00 PIAZZA ROSSELLINI: Novità: “Carciofi fritti alla Contadina” preparati dalle donne delle famiglie dei produttori locali. 1° Ladispoli Special One Contest FreeStyle Hip Hop Gruppo Musicale EXPLOSIVE BOYZ Esibizione canora GIORGIA cover di SELENA GOMEZ Esibizioni di HIP HOP A.S.D. PROFESSION DANCE di Paola Sorressa A.S.D. SHIRO DOJO di Linda Ranucci NLD – di Maria Napoli A.S.D. IL GABBIANO A.S.D. COSMO FITNESS di Giancarlo Paolacci Compagnia TRACCEDARTE di Maria De Luca in “Loving” A seguire (dalle ore 21.00) PIAZZA ROSSELLINI: GRUPPO “GARAGE32” It’s only Rock ‘n Roll GRUPPO “kestè” Tributo a PINO DANIELE Sabato 9 Aprile Ore 9.00: Apertura stand Ore 12.00 PIAZZA ROSSELLINI: Apertura della manifestazione da parte del Sindaco CRESCENZO PALIOTTA e benedizione della Sagra da parte di S.E. il Vescovo GINO REALI. Esibizione della Fanfara “GENNARETTI-LALLI” dell’Associazione Nazionale Bersaglieri sezione Ladispoli Dalle 15,00 alle 17,00: SPAZIO CULTURALE PIAZZA DELLA VITTORIA: Simultanea di scacchi con Istruttori Federali a cura del circolo scacchistico ALVISE ZICHICHI Dalle ore 15.00 PIAZZA ROSSELLINI: Esibizione di palestre, scuole e compagnie di danza locali S.S.D. PURAVIDA 2.0 di Bruna Bartolini A.S.D. GYM LADISPOLI di Angelica Tiozzo STUDIO DANCE LAB di Roberta Sambucci A.S.D. COSMO FITNESS di Giancarlo Paolacci CENTRO ANZIANI DI LADISPOLI di Thai Chi Associazioni “GIOIA DI VIVERE” esibizione di Ballo A.S.D. VILLAGE FITNESS CLUB ASSOCIAZIONE AIKIZENDO esibizione di AIKIDO Maestro Fabio Palombo A.S.D. SHIRO DOJO di Linda Ranucci NLD – NUOVO LABORATORIO DANZA...

Leggi

THE ART OF THE BRICK

Si concluderà il 14 febbraio la mostra “The Art of the Brick” a cura di  Nathan Sawaya, il maestro dell’arte del LEGO. Sawaya ha la capacità di trasformare questo comune giocattolo in qualcosa ricco di significato, commovente e spesso provocatorio.Una mostra unica, recensita dalla CNN, da non perdere assolutamente! LA MOSTRA The Art of The Brick è una mostra davvero per tutti e per tutte le età. Nathan Sawaya ha la capacità di far immergere il visitatore nel suo mondo: un mondo allegro e colorato ma che nello stesso tempo fa riflettere. La creatività e il gioco sono al centro della mostra. Si parte ammirando l’immaginazione e la bravura dell’artista che riesce a coinvolgerci fino a stimolare la creatività di tutti. Le opere in mostra sono una piccola parte di tutto ciò che ognuno di noi, con la propria fantasia, può sperimentare grazie ai mattoncini LEGO. Per questa capacità di affascinare, il lavoro di Nathan Sawaya è stato apprezzato ovunque nel mondo al di là di qualsiasi barriera culturale.  La mostra offre al visitatore una grande varietà di sculture: da “Il pensatore” di Rodin allo scheletro di dinosauro lungo 6 m e costruito con 80.020 mattoncini LEGO. Nell’area gioco, situata alla fine della mostra, i visitatori potranno inoltre dare libero sfogo alla propria creatività divertendosi con i mattoncini LEGO ed i videogiochi della DM Comics messi a loro disposizione. THE ARTE OF THE BRICK: ORARI La mostra, in via Tirso 14, è visitabile dal lunedì al giovedì ore 10 – 20, il venerdì e il  sabato ore 10 – 23 ed infine la domenica dalle ore 10 – 21 Sabato 13 febbraio la mostra “The Art of the Brick”  resterà aperta fino alle 24.00 e domenica 14 Febbraio la mostra chiuderà anticipatamente alle ore 19.00. Per informazioni:...

Leggi

CARNEVALE ROMANO

Scarica il programma Mostre, convegni, lectio magistralis, concerti e soprattutto il grande corteo rinascimentale che quest’anno troverà una nuova sede in piazza Navona. Dal 30 gennaio al 9 febbraio torna nella Capitale l’VIII edizione del Carnevale Romano – Il futuro di una festa antica, promossa dal Comitato Carnevale romano – di cui fanno parte l’Associazione Culturale Carnevale Romano, D.d’Arte e Federalberghi Roma – e il coordinamento organizzativo di Marco Lepre. La direzione artistica della manifestazione, realizzata in collaborazione con Municipio Roma I, con l’adesione del Comune di Leonessa e della Pro Loco Roma, è affidata a Leonardo Petrillo e l’organizzazione generale è a cura di Francesca Barbi Marinetti. “L’attuale stato di commissariamento della città, la mancanza di un bando, quanto di finanziamenti – spiegano gli organizzatori – non ci ha fermato e abbiamo voluto realizzare questa edizione come puro atto d’amore e di volontariato culturale in omaggio alla storia, alle tradizioni e ai bimbi di Roma e al fine di non interrompere questa ritrovata tradizione comunitaria della Città”. La giornata di apertura si terrà sabato 30 gennaio alle 11 nella meravigliosa cornice della Biblioteca Angelica. L’incontro dal titolo “Carnevale romano: il futuro di una festa antica”, presentato da Daniele Coscarella, prevede suggestioni, musiche, immagini, parole legate alla straordinaria storia del grande evento che sin dal Medio Evo caratterizzò la vita e la cultura della città di Roma con la partecipazione di accademici e intellettuali della cultura nazionale, oltre agli immancabili protagonisti delle edizioni passate, tra cui la celebre attrice Maria Rosaria Omaggio, mirabile interprete di Cristina di Svezia. Durante l’incontro, sarà visibile la mostra multimediale a cura di Robbi Huner e Barbara Roppo con le immagini più significative delle passate edizioni della kermesse capitolina, allora considerata il maggior evento equestre d’Europa per numero di spettatori. Nel pomeriggio di sabato 6 febbraio a partire dalle 14,00 piazza Navona sarà animata dagli Sbandieratori e Musici di Velletri, dai Tamburini del Palio del Velluto di Leonessa e dal Gruppo Musici di Torre Orsina, in attesa che alle 15,00, prenda avvio l’evento più atteso dell’antico e del rinato Carnevale romano: la Sfilata equestre, coordinata da Alessandro Salari, che quest’anno tornerà ad animare Piazza Navona, luogo storico dei grandi eventi carnascialeschi sin dal medioevo. Come da tradizione, alla sfilata prenderanno parte cavalieri e dame in costume, artisti equestri e le rappresentanze buttere della regione, simbolo culturale e storico dell’equitazione da lavoro del nostro Paese, insieme ai corpi militari che hanno dato lustro alla storia della cavalleria italiana, come la fanfara a cavallo del Reggimento Lancieri di Montebello (8°) e la Polizia di Stato a cavallo. Al termine della sfilata seguirà l’animazione in piazza con...

Leggi

100 Presepi – 40° Edizione

100 Presepi – 40° Edizione a Roma La mostra dei 100 Presepi di Roma è giunta alla 40° edizione, l’esposizione avrà luogo all’interno delle sale del Bramante dal 26 Novembre alle ore 9:30 al 10 Gennaio alle ore 20:00, tutti i giorni comprese le domeniche, Natale, Capodanno ed Epifania. Lo scopo principale dell’esposizione sta nella volontà di riaffermare una tradizione tipicamente italiana che rischiava di scomparire e nel promuovere la conoscenza di questa tradizione anche all’estero. In occasione del Giubileo, all’evento è stato conferito il logo del Giubileo Straordinario della Misericordia divenendo evento ufficiale dell’Anno Santo. Come ogni anno la mostra si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, con il patrocinio della Conferenza Episcopale Italiana e del Pontificium Consilium de Cultura e con i patrocini del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, della Regione Lazio, di Roma Capitale. 100 Presepi: la particolarità dell’esposizione Il materiale dei 100 presepi: I presepi che si potranno ammirare visitando la mostra, costituiscono una grande attrattiva poiché, venendo da vari paesi esteri e da varie regioni Italiane, sono costruiti con stili molto diversi fra loro e con materiali a volte anche inusuali. Ritroveremo presepi in: pasta alimentare, sughero, argilla, riso, conchiglie, pannolenci, terracotta invetriata, zucchero, parti metalliche di automobili, semi di zucca, palline da ping pong e molti altri. La mostra diventa un percorso nelle Regioni d’Italia e in 33 Paesi del Mondo: ogni artista così ci permette con la propria fantasia e grazie alla propria arte, di passeggiare  attraverso tradizioni e culture diverse. Le Regioni che partecipano, hanno una grande tradizione presepiale e sono Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli- Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Puglia, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Veneto. Per quanto riguarda le esposizioni internazionali, sono ospitati i presepi di Paesi come come Belgio, Croazia, El Salvador, Estonia, Germania, Polonia, Portogallo, Rep. Ceca, Romania, Russia, San Marino, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria; asiatici come Rep. Cina-Taiwan, Corea del Sud, Filippine, Giappone, Indonesia, Mongolia,Thailandia, Vietnam; dell’America Centrale come Guatemala, Panama; dell’America Meridionale come Cile, Colombia, Cuba, Ecuador, Guyana, Perù. Per i bambini dai 4 agli 11 anni vi è la possibilità di partecipare al Laboratorio “IL PRESEPE COME GIOCO” dove costruire un personaggio con la pasta alimentare sotto la guida di docenti e alunni dell’Accademia Belle Arti di Roma. Per poter partecipare al laboratorio basta solo il biglietto della mostra ma è necessaria la prenotazione (068542355). 100 Presepi: Info Per poter visitare la mostra, il biglietto ha un costo di 8,00 Euro. Sono previste delle riduzioni per gli over 65 a 6,50 Euro. Metrebus...

Leggi

Romics 2015 | Festival internazionale di Roma dedicato al fumetto

Dall’1 al 4 ottobre 2015 avrà luogo la diciottesima edizione del Romics, il Festival internazionale di Roma dedicato al fumetto, all’animazione, ai games e all’entertainment in generale. Questo secondo appuntamento annuale del Romics 2015, dopo quello che si è svolto lo scorso mese di aprile, si terrà come di consueto alla Fiera di Roma ed avrà in serbo, come sempre, molte novità per i visitatori appassionati di questo mondo, eventi, incontri, spettacoli, premiazioni ed altro ancora. La rassegna, organizzata dalla Fiera di Roma e da Isi.Urb, registra sempre un grande successo di pubblico, con l’ultima edizione che ha raggiunto quota 200 mila visitatori. Ma cos’è esattamente il Romics e quando nasce? Questo Festival inizia nel 2001, nella vecchia sede della Fiera di Roma dove rimane fino al 2006, quando approda al nuovo polo fieristico romano. Solo dal 2013, oltre alla classica edizione autunnale, la manifestazione ha aggiunto un’edizione primaverile, normalmente in aprile, anch’essa con un enorme successo di pubblico. Il fumetto è uno dei protagonisti del Romics 2015 insieme ai grandi successi del cinema e ai kolossal cinematografici ispirati a fumetti e romanzi, all’animazione e ai videogames; non mancheranno gare di cosplay con spazi dedicati ai bambini (Romics Kids&Junior), premiazioni dei disegnatori dei personaggi più amati del fumetto, omaggi a grandi saghe del cinema al Romics Movie Village e, ancora, lezioni di cinema, animazione, laboratori di fumetto tenute direttamente dagli artisti, mostre, workshop e tante altre iniziative ed eventi (per ulteriori info e dettagli cliccare qui) che riempiranno questi quattro giorni di kermesse. Nei numerosissimi stand all’interno dei padiglioni della Fiera si possono trovare tutte le novità del settore dell’editoria del fumetto infatti, ad ogni edizione di Romics, partecipano anche grandi case editrici, fumetterie, collezionisti ed in molti stand è possibile incontrare ogni giorno tantissimi autori ed editori. Non mancano anche stand commerciali di videogiochi e gadget e concorsi dedicati alla creatività nel fumetto e nella musica, ovvero il Romics Talent Contest e il Romics Song Contest. Romics 2015: alcune novità Nell’edizione in partenza il prossimo ottobre, in cui gli organizzatori hanno annunciato anche l’apertura di nuove aree per l’accoglienza di un pubblico ancora più ampio, avrà luogo una grande mostra, “Da Diabolik a DK”, che racconterà l’evoluzione del famoso personaggio; sabato 3 ottobre Mario Gomboli, soggettista storico della serie e uno dei Romics d’Oro di quest’anno, incontrerà il pubblico al Padiglione 8 e sempre lì, domenica 4 ottobre, avverrà la Premiazione dei Romics d’Oro. Per la prima volta la società giapponese Bandai sarà presente a Romics con uno stand ufficiale interamente dedicato al personaggio di Sailor Moon mentre, tra gli omaggi alle saghe cinematografiche quest’anno i protagonisti saranno...

Leggi

Notte Europea dei Ricercatori 2015

Osservare il mondo che ci circonda, attraverso gli occhi di chi sa capirne il delicato funzionamento e l’equilibrio in cui cerca di andare avanti ogni giorno, malgrado lo smog, l’inquinamento acustico e la frenesia delle nostre vite, adesso si può. Grazie alla Notte Europea dei Ricercatori 2015. Un’iniziativa che si svolge simultaneamente ogni anno in tutta Europa l’ultimo venerdì di Settembre. La data prevista per l’anno corrente è quindi quella di venerdì 25 Settembre quando, in circa 300 città situate nelle 24 nazioni d’Europa e nei Paesi limitrofi, avrà luogo questa importante manifestazione a carattere scientifico. La Notte Europea dei Ricercatori 2015 è realizzata grazie al sostegno dalla Commissione Europea nell’ambito del Marie Skłodowska-Curie Actions, un programma della UE che mira ad accrescere l’attività scientifica dei ricercatori in Europa; ed ancor più farla conoscere a chi non appartiene a tale ambito. Per questo motivo la Notte Europea dei Ricercatori 2015 viene pubblicizzata attraverso eventi e spettacoli in grado di risvegliare l´interesse di persone di tutte le età. Potranno infatti parteciparvi gruppi di famiglie, scuole, gruppi di amici o singole persone curiose di conoscere come funzionano le cose e l’impatto della scienza nella vita di tutti i giorni. Tra le grandi novità della Notte Europea dei Ricercatori 2015 c’è la partecipazione di Astronomitaly, il primo progetto di sviluppo del Turismo Astronomico in Italia che si propone come obiettivo l’identificazione dei luoghi migliori da cui osservare il cielo stellato e la loro promozione per un turismo sostenibile  attraverso la certificazione “I cieli più belli d’Italia”. Notte Europea dei Ricercatori 2015: non perdete questi due appuntamenti Grazie al contributo di prestigiosi partner come Federturismo Confindustria, Federparchi Europarc Italia e SL&A, Astronomitaly può vantare due importanti eventi a sostegno dell’ecologia: Giovedì 24 Settembre alle ore 10.00 presso la Scuola Comunale Boschetto di Rocca Massima, in provincia di Latina, avremo l’incontro “Dal Sole all’Acqua: la Luce come fonte di vita”. Un viaggio alla scoperta di fonti vitali come la luce e l’acqua  attraverso lo studio del Sole e l’utilizzo di un telescopio. I partecipanti, piccoli e grandi, potranno così apprendere l’astronomia divertendosi attraverso esperimenti pratici volti a riprodurre visivamente i fenomeni che avvengono sulla superficie solare. Il secondo appuntamento della Notte Europea dei Ricercatori 2015 è previsto per Venerdì 25 Settembre alle ore 19.00 nel cuore della Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa ed ha come titolo “Notte di Stelle sul Tevere”. In questa occasione  Astronomitaly  presenterà il proprio progetto  “I cieli più belli d’italia: l’importanza di ritrovare il cielo stellato” per scoprire cosa è l’inquinamento luminoso, i danni che provoca e l’importanza di ridurlo per la salvaguardia della natura e dei suoi...

Leggi

Musei Gratis il 5 Luglio | Proloco Roma |

I Musei gratis il 5 luglio a Roma Tornano le domeniche della cultura, a Roma. Saranno infatti tre i prossimi appuntamenti dedicati: 5 luglio, 2 agosto e 6 settembre. Il progetto è stato promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo di Roma e si rivolgerà a tutti i cittadini romani, residenti a Roma Città Metropolitana, che avranno libero accesso al circuito dei “Musei in Comune” e che potranno approfittare di un ricco programma di visite didattiche dedicate. Il 5 luglio, come anche le due date successive, coincide con la prima domenica del mese che, come stabilito dal decreto del Ministro Franceschini in vigore dal 1 luglio 2014, consente a tutti i visitatori italiani di entrare gratis nei musei, monumenti, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali aderenti, di solito pubblici. I musei gratis il 5 luglio a Roma saranno soprattutto i musei civici come il Museo dell’Ara Pacis, con un appuntamento dedicato alla scoperta dell’imperatore Augusto, i Musei di Villa Torlonia e i Musei Capitolini per osservare i capolavori del Campidoglio e approfondire la storia di Marco Aurelio e poi i Mercati di Traiano e la loro storia millenaria, il Museo di Roma a Palazzo Braschi e la splendida Centrale Montemartini, primo impianto comunale di produzione di energia elettrica trasformato in museo che, con il suo allestimento particolare, risulta ancora più suggestivo per tutti i visitatori che vi si recano. Inoltre, una scelta obbligata per gli amanti dell’arte contemporanea, è l’apertura gratuita dello GNAM, la Galleria Nazionale di Arte Moderna a due passi dal verde di Villa Borghese, contenente una collezione permanente che racchiude i migliori esempi della pittura e della scultura moderna dal XIX al XXI secolo. Vi segnaliamo che le esposizioni e le mostre private di solito non rientrano nelle gratuità, come per esempio la mostra “Leonardo Da Vinci. L’Autoritratto”, la mostra “Nutrire l’Impero. Storie di alimentazione da Roma a Pompei” e la mostra “Sergio Staino. Satira e sogni”. Qui una lista completa dei musei gratis il 5 luglio a Roma e…buona arte a...

Leggi

Ad Arte | Calcata Teatro Cine Festival

Ad Arte | Calcata 8/12 Luglio 2015 Dopo il caloroso coinvolgimento, nella prima edizione, dell’intero paese di Calcata e nonostante le difficoltà prevedibili all’interno di una edizione zero, prodotta con soli fondi privati, eccoci di nuovo qui, per rinnovare il nostro desiderio di proseguire in questa avventura, che andando ben oltre le avversità incontrate, ha ospitato lo scorso anno, tra teatro e cinema, in soli 4 giorni, dai 3 ai 6 eventi al giorno, godendo di un’ottima risonanza sul territorio ospite e su Roma. Il nostro desiderio per l’edizione 2015 è quello di riprendere il buono già fatto durante la prima edizione per migliorare e rafforzare tutti quegli aspetti, tecnici e organizzativi, che nella scorsa edizione, abbiamo dovuto, per forza di cose, necessariamente trascurare o quanto meno ridimensionare. Da un punto di vista artistico il nostro desiderio è quello di tenere fede ai propositi e agli obiettivi dello scorso luglio, tentando di consolidare questa nostra manifestazione come nuovo centro per la diffusione e il sostegno del teatro di regia e sperimentazione e il cinema d’autore, indipendenti; per aggiungere, insomma, qualche mattone in più nella costruzione di questo nuovo punto di forza e di incontro per tutti quegli artisti teatrali e cinematografici che non trovano il meritato spazio nel circuito ufficiale, per motivi che esulano completamente dal loro indubbio valore. Infine ma non da ultimo ci piacerebbe far sposare sempre meglio questo nostro evento con le caratteristiche particolarissime del paese che lo ospita, nel rispetto della sua specificità e delle qualità che lo rendono unico nel suo genere e conosciuto nel mondo. Nessuna location ci sembra, ancora una volta, infatti, più idonea di quella di Calcata, che per come noi la percepiamo è e deve restare l’idea stessa di una possibilità di (r)esistenza della diversità, che sia essa artistica, sociale o antropologica, tentativo permanente di ricerca di un “altrove” realizzabile nel qui ed ora. Calcata con la sua forza misteriosa e prorompente come la natura che la circonda; solitaria, fantasiosa, indomabile, eccentrica e anche malinconica, come certa giovinezza che continua a vivere in tutti noi, sempre, se solamente la si ascolta e la si lascia parlare; libera e insofferente alla norma come tutti gli spettacoli e i film che da qui in poi ci piacerebbe ospitare. Vogliamo ringraziare, in tal senso, tutti gli artisti e i professionisti “eternamente giovani” che con la loro passione, competenza e disponibilità hanno compreso profondamente il nostro progetto, lo hanno abbracciato e supportato lo scorso anno, rendendolo possibile. Vogliamo infine ringraziare tutti coloro che ancora una volta, con la stessa passione ci sono di nuovo al fianco per dare vita a questo nuovo viaggio. Scopri AdArte sul...

Leggi

Viaggio nel foro di Augusto 2000 anni dopo

Foro di Augusto 2000 anni dopo Un viaggio in 3D per rivivere l’epoca di Augusto  Nel silenzio del tempo che scorre, nella staticità di pietre e strade antiche. Nell’immobilità di storie narrate duemila anni fa, una nuova luce viene proiettata su un palcoscenico d’eccezione, pronta a raccontare ciò che accadde in quel tempo nella Capitale. E’ la storia di Augusto che scorre nuovamente dinanzi gli occhi degli spettatori ed attraverso la città di Roma. Inaugurato il 22 aprile 2014, il viaggio nel Foro di Augusto 2000 anni dopo, viene riproposto anche quest’anno dal 25 Aprile al 1 Novembre 2015. Il progetto, che rientra nelle celebrazioni per il Bimillenario della morte dell’Imperatore, ha come tema importante la figura di Augusto non solo in quanto conquistatore di nuovi regni, ma anche come apportatore di ricchezze culturali ed artistiche. Il viaggio nel Foro di Augusto 2000 anni dopo ci consente così di assistere ad uno spettacolo unico nel suo genere poiché in grado di illustrare in modo puntuale il sito archeologico situato lungo Via dei Fori Imperiali partendo da pietre, frammenti e colonne presenti. Gli spettatori, accompagnati dalla voce di Piero Angela, hanno la possibilità di vedere con i loro occhi una ricostruzione storica e scientifica di grande valore di quei luoghi così come si presentavano all’epoca di Augusto. Grazie ad appositi sistemi audio con cuffie gli spettatori possono ascoltare la musica, gli effetti speciali e il racconto in 6 lingue differenti. Il viaggio nel Foro di Augusto 2000 anni dopo, utilizzando in modo creativo i resti del Foro stesso, vuole quindi narrare e celebrare la figura di questo imperatore, la cui gigantesca statua dominava l’area accanto al tempio. Con Augusto nasce l’età imperiale, epoca di grande ascesa per Roma che, nel giro di un secolo, ha portato la capitale a regnare su un impero esteso dall’attuale Inghilterra sino ai confini con l’attuale Iraq. Il Foro di Augusto 2000 anni dopo è quindi un’occasione anche per raccontare la storia non solo relativa all’espansione territoriale dell’impero, ma anche riguardante la civiltà romana e la sua crescita culturale, tecnologica, giuridica ed ovviamente artistica grazie ai resti di anfiteatri, terme, biblioteche, templi, strade che sono giunti sino a noi. Capitale dell’economia, del diritto, del potere e del divertimento, Roma rappresentò la culla della civiltà in quel periodo e dopo di esso, e di Augusto, molti altri imperatori lasciarono la loro traccia nei Fori Imperiali. L’iniziativa Foro di Augusto 2000 anni dopo ci mostra così il segno della grandezza di questa metropoli in espansione, che ancora oggi ci stupisce con il suo fascino antico e sempre nuovo . Info & Ticket: Per maggiori informazioni su biglietti ed orari consulta il...

Leggi

Pin It on Pinterest