LE LUDOTECHE DI ROMA CAPITALE – Technotown e Casina di Raffaello

 TECHNOTOWN E CASINA DI RAFFAELLO: IMPARARE DIVERTENDOSI NELLE LUDOTECHE DI ROMA CAPITALE All’interno dello sconfinato mondo delle proposte museali di Roma Capitale, potete trovare anche soluzioni dedicate ai più piccoli, al loro divertimento e alla loro crescita. Tra queste TechnoTown e la Casina di Raffaello, le ludoteche di Roma Capitale gestite da Zètema Progetto Cultura, che propongono percorsi didattici, attività e laboratori attraverso cui imparare divertendosi.   TECHNOTOWN è un luogo di creatività e di scoperta dove curiosi dai 6 ai 100 anni (ed oltre…) possono mettersi in gioco attraverso esperienze interattive avventurandosi nel mondo della tecnologia, della natura, della robotica e multimedialità. Attraverso il racconto di un Tutor e l’utilizzo di strumenti come robot, stampanti 3D, visori infrarossi e molteplici dispositivi multimediali, i visitatori possono partecipare ad attività interattive, giochi, laboratori o veri e propri corsi per prendere dimestichezza con tecnologie nuove ed antiche da utilizzare lasciando libero spazio alla propria creatività. Il programma prevede che ad ogni ora parta un’attività differente secondo un fitto calendario giornaliero. Il centro, unico nel suo genere, è stato allestito nel novembre del 2006 all’interno del Villino Medioevale, caratteristica architettura di inizio ‘900, grazie all’impegno dell’Assessorato alle Politiche di Promozione dell’Infanzia e della Famiglia e agli interventi di restauro realizzati dall’Assessorato alle Politiche Culturali Sovraintendenza ai Beni Culturali, Direzione Edilizia Monumentale, con il contributo del Ministero dell’Ambiente. TECHNOTOWN ha al suo interno il primo LEGO® Education Innovation Studio dell’Italia Centrale. I LEIS (LEGO® Education Innovation Studio) sono centri attrezzati dove il pubblico di tutte le età può avvicinarsi al complesso ma emozionante mondo delle scienze e delle tecnologie, dell’innovazione e della creatività e in questo modo sviluppare le competenze come il pensiero creativo, il problem-solving , il lavoro di gruppo e la comunicazione. Tutto questo è possibile attraverso gli strumenti Lego® “Mindstorms” e “Wedo” Per maggiori informazioni potete consultare il sito www.technotown.it o contattare lo 060608   Nel cuore di Villa Borghese, nel bellissimo edificio del ‘500 (si chiamava in origine “Palazzina dell’Alboreto dei Gelsi” e venne poi trasformato dall’architetto Asprucci intorno al 1791), La Casina di Raffaello accoglie una Ludoteca che l’Amministrazione Comunale ha aperto nel 2006, dedicandola a tutti i bambini dai 3 ai 10 anni di età. La ludoteca propone un articolato programma di attività che va dai laboratori didattici, alle letture animate, agli incontri sulle novità editoriali. Alla Casina inoltre si trovano libri e giochi per l’infanzia, in vendita presso la libreria specializzata. Per maggiori informazioni potete consultare il sito www.casinadiraffaello.it o contattare lo 060608   Ricordiamo che grazie alla convenzione stipulata con Zètema Progetto Cultura, i soci Pro Loco hanno diritto all‘ingresso ridotto per il nucleo familiare in entrambe le ludoteche, e ad...

Leggi

Festival “Trastevere Rione del Cinema”

      Una piazza, uno schermo, 60 notti di cinema gratis sotto le stelle di Roma: l’estate Trastevere è il rione del cinema! Anche quest’anno piazza San Cosimato, situata in uno degli angoli più pittoreschi ed amati della città, si trasforma in una platea a cielo aperto grazie alle proiezioni gratuite del festival “Trastevere, rione del Cinema“. Due mesi di grande cinema e socialità, un’iniziativa che si rinnova dopo il grande successo di pubblico della scorsa estate, nonostante le difficoltà organizzative abbiano fatto temere per la sua realizzazione in questo 2017. A riprova del suo valore, artistico ma non solo, si sono spesi in suo favore alcuni tra i personaggi più noti del cinema italiano ed internazionale, come Pedro Almodovar, Carlo Verdone, Paolo Virzì, Roberto Benigni, Ferzan Ozpetek e tanti altri. Il comitato organizzatore del Piccolo Cinema America ha ottenuto al concessione della Piazza e propone ora un festival ancora più ricco, con la proiezione di film in lingua originale sottotitolati e la presenza di grandi ospiti internazionali. Tra gli altri, si segnalano il premio oscar Asghar Faradhi (“Il Cliente”), Radu Mihaileanu (“Il Concerto”), Paolo Virzì, Gabriele Salvatores, Carlo Verdone, Bernardo Bertolucci e il maestro Nicola Piovani. Dalle pietre miliari della “settima arte” alle nuove proposte, dall’espressività di Anna Magnani alle risate per tutta la famiglia coi cartoni Disney, il palinsesto del festival si annuncia davvero per tutti i gusti. Sono previste 5 retrospettive d’autore ( Michelangelo Antonioni – Stanley Kubrick – David Lynch Luigi Magni – Asghar Farhadi), una rassegna notturna dedicata al cinema horror,  curata da Dario Argento e fornita di specifiche cuffiette a noleggio; i sabato sera dei piccoli in compagnia dei classici Disney e Pixar e il concorso Premio Di Castro, riservato ai giovani documentaristi under40. Il festival è presentato dal Piccolo Cinema America e dal Municipio I, col supporto e il patrocinio di Regione Lazio, SIAE, Mibact, Assessorato alla Crescita Culturale di Roma Capitale, Camera di Commercio, BNL Gruppo Paribas, Bernabei e e IPAB Opera pia asilo Savoia e altre attività commerciali. Trastevere Rione del Cinema grazie alla tenacia dei ragazzi del Cinema America offre agli abitanti del quartiere e agli spettatori che arrivano da ogni angolo di Roma un momento di condivisione, adatto agli appassionati cinefili ma anche a chi vuole vivere la città, apprezzando tutta la bellezza delle sue piazze e dei suoi abitanti. Il Festival Trastevere Rione del Cinema vi aspetta a Piazza San Cosimato, da 1 giugno al 1 agosto, ogni sera con proiezioni dalle 21.15. Programma completo e info: https://trasteverecinema.it/...

Leggi

Roma città creativa, con L’Isola del Cinema 2017

Isola del Cinema – XXIII Edizione  Dal 15 giugno al 3 settembre torna a Roma il grande cinema! “Roma, Città Creativa”, è questo il titolo scelto per la XXIII edizione dell’Isola del Cinema di Roma, che per tre mesi animerà le serate estive della Capitale con il grande cinema e i suoi protagonisti. Tre mesi di produzione intensa, tra anteprime cinematografiche, focus sulle cinematografie dall’Italia e dal Mondo, grandi produzioni made in Italy e una rinnovata edizione del Premio Opera Prima e Seconda. E poi largo spazio a film e produttori indipendenti, ai documentari e alla sperimentazione, ma anche alle arti che nutrono il cinema e da cui il cinema è nutrito, tra cui la letteratura, con gli appuntamenti promossi da David & Matthaus, e la musica, con una sezione tutta dedicata al Jazz. E ancora, per la rassegna “Isola Mondo”, un ideale viaggio verso Est, che parte dai Balcani occidentali per arrivare l’Australia, e molto molto altro da scoprire. Su tutto, il valore di un luogo: L’Isola Tiberina, centro della Città Eterna e della sua storia, dove respirare creatività e cultura ed incontrare i protagonisti che di questo Cinema e di questa Cultura sono attori e artefici principali. “Roma, Città Creativa” non a caso, ma titolo emblematico come doveroso omaggio al riconoscimento che l’Unesco ha attribuito alla Capitale quale fulcro della creatività e del cinema. Una creatività data dalla partecipazione attiva e dall’essere centro di diffusione di proposte culturali che coinvolgano la cittadinanza: ecco dunque l’attenzione ai più giovani, con la sezione “Millenials” specificatamente dedicata a loro e con il Contest Mamma Roma e i suoi Quartieri (Vi edizione), un invito a raccontare attraverso la telecamera i quartieri cittadini e la vita quotidiana che vi scorre, là dove fervono nuove idee e voglia di fare. Nel fitto calendario de l’Isola del Cinema ci sarà spazio anche per eventi collaterali legati ai temi dell’Accoglienza e della Solidarietà, con la dovuta attenzione al coinvolgimento di tutte le persone interessate, tramite l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’utilizzo di proiezioni fruibili da ipovedenti e non udenti. In ultimo, ma non per importanza, tante iniziative gratuite, perché la cultura sia di tutti e per tutti, con le proiezioni gratuite sulla piazza dell’Isola Tiberina, destinate anche agli stranieri grazie ai film in versione originale sottotitolati in inglese; e poi percorsi espositivi, letteratura e poesia. Tre le sale attive, come da tradizione: l’Arena da seicento posti, con il suo Maxischermo; i novanta posti del Cinelab – laboratorio di Cinema e Contemporaneità; lo Schermo Tevere, uno spazio all’aperto, sulla Piazza dell’Isola Tiberina, di fronte alla Nave di Esculapio. Non solo un grande successo di pubblico che...

Leggi

CONVENZIONE 2017 | PRO LOCO DI ROMA E TEATRO DELL’OPERA

CONVENZIONE PRO LOCO DI ROMA E TEATRO DELL’OPERA Riservata ai Soci   Come di consueto anche quest’anno la Pro Loco di Roma attiva la convenzione con uno dei più importanti teatri della capitale, il Teatro dell’Opera. La collaborazione vuole garantire ai soci una più ampia scelta culturale attraverso numerose agevolazioni per la Stagione Lirica e di Balletto 2016/17 del Teatro dell’Opera di Roma e per la Stagione Estiva 2017 alle Terme di Caracalla.     Per i possessori della tessera socio Pro Loco sono riservate, previa prenotazione con l’Ufficio Promozione del Teatro, diverse riduzioni: sconto del 20% sul prezzo intero del biglietto per gli spettacoli fuori abbonamento sconto del 10% per le recite in abbonamento per la Stagione al Teatro dell’Opera visite guidate personalizzate per conoscere i luoghi segreti del Teatro dell’Opera di Roma, su prenotazione riduzione del 10% sul prezzo intero del biglietto per la Stagione estiva 2017 alle Terme di Caracalla esclusa la programmazione “EXTRA” Si specifica che le riduzioni non sono applicabili sul sito TicketOne, ma esclusivamente contattando il Teatro via mail ( promozione.pubblico@operaroma.it ) o telefonicamente (ai numeri 06/48160312-507-528). Il Teatro dell’Opera Di Roma, costruito per volontà di Domenico Costanzi, fu il primo teatro dedicato all’opera lirica e al balletto. Inaugurato nel 1880, viene acquistato dal Comune di Roma solo nel 1926, periodo in cui il teatro subì numerosi lavori di ampliamento e ristrutturazione. Gli artisti che si sono esibiti in questo prestigioso teatro sono moltissimi e tra i più noti ricordiamo Riccardo Muti (direttore onorario a vita dal 2011), Carla Fracci, Arturo Toscanini, Eleonora Abbagnato, Maria Callas e Plàcido Domingo. Dal 1937 il teatro propone la sua stagione estiva nel suggestivo complesso archeologico delle Terme di Caracalla, una location straordinaria che dispone di circa 20.000 posti in platea ed è il più grande palcoscenico del mondo. ▶ per ulteriori info:...

Leggi

Sei racconti di Simona Teodori – Figlie di Eva

Sei racconti per sei universi femminili Dopo “Voci partigiane” il ritorno in libreria di Simona Teodori con la raccolta di racconti “Figlie di Eva”. La nuova prova dell’autrice romana è una raccolta di sei racconti che parlano tutti con voce di donna. Per i nostri lettori abbiamo raggiunto telefonicamente la scrittrice per parlare di questo suo lavoro in uscita il 5 dicembre. Quando la raggiungiamo al telefono, Simona Teodori è presa dal tran tran quotidiano, fatto di impegni lavorativi e familiari, ma trova del tempo da dedicarci e, quando inizia a parlare, è un fiume in piena di entusiasmo. Ci racconta dell’incontro con il suo nuovo editore Giulio Perrone in occasione del premio letterario “Un’estate a Roma” ricevuto nel mese di giugno durante la manifestazione “Libri a Mollo”. Successivamente c’è stata la gradita proposta dell’Erudita Edizioni – marchio della Giulio Perrone Editore dedicato ai giovani e agli esordienti – di dedicarsi ad alcuni racconti, forma letteraria molto cara alla casa editrice romana. L’autrice parla di come ha scritto di getto, in meno di un mese, le 57 pagine che compongono “Figlie di Eva”. Sei racconti, ognuno prende il titolo dal nome della protagonista: sei storie, sei universi femminili, sei sensibilità diverse; perché, come ci dice l’autrice, ogni donna ha la sua storia, e ogni storia è un viaggio all’ interno di un universo peculiare e unico. Di questi racconti due sono ambientati negli anni Dieci e Venti del Novecento, uno in Inghilterra e l’altro in Francia ma, nonostante l’ambientazione temporale che li caratterizza, sono portatori di un sentire universale che li rende potenzialmente adatti a qualsiasi epoca. Prendiamo quindi spunto per chiederle cosa pensa della situazione della donna nella società di oggi: la scrittrice attinge al suo ambiente lavorativo, quello dei tribunali e della legge, e ci racconta di un mondo che ancora penalizza le donne. Poi pone l’accento su uno dei problemi che contribuisce a creare questa situazione di subalternità, l’antagonismo tra donne: secondo la scrittrice è importante che le donne si sostengano e collaborino tra loro, un concetto semplice ma che purtroppo ancora stenta ad affermarsi. Cogliamo allora l’occasione per avere da lei un parere sulla manifestazione contro la violenza sulle donne che si è tenuta a Roma il 25 novembre scorso. E’ un tema che le sta molto a cuore e non ha alcun dubbio: più se ne parla meglio è. Bisogna continuare a discuterne, “martellare le coscienze”. Si può fare molto con l’educazione: si deve alimentare nei giovani un senso di criticità, spingerli a sviluppare liberamente il proprio io e il proprio modo di pensare, spingerli a studiare, leggere e a non smettere mai di essere curiosi...

Leggi

100 Presepi – 41° Esposizione internazionale a Roma

La 41° edizione de i 100 Presepi! Anche quest’anno l’esposizione ha preso vita nelle sale del Bramante in Piazza del Popolo. I 150 presepi, provenienti da tutti i paesi del mondo, sono la testimonianza della fantasia e della manualità dei maestri artigiani italiani e stranieri. La mostra ha ottenuto l’interesse di importanti testate giornalistiche, tra cui il “The New York Times” il quale ha inserito i “100 presepi” nella top ten delle attrazioni da visitare durante il periodo natalizio in tutto il mondo. Come tutti gli anni gli organizzatori non hanno dimenticato i più piccoli per i quali è stato ideato il “Presepe Gioco”, dove i bambini seguiti da artisti professionisti dell’accademia di Belle Arti di Roma potranno realizzare alcuni personaggi del presepe. Quest’anno un’attenzione particolare è stata riservata ai giovani delle zone colpite dal terremoto, i quali hanno realizzato il presepe intitolato “Ad Amatrice, Il campanile scocca la mezza notte santa”. La mostra rimarrà aperta tutti i giorni compresi i festivi (8 – 25 – 26 Dicembre / 1 – 6 Gennaio), fino all’ 8 Gennaio 2017, con orario continuato dalle 10,00 alle 20,00. Costo biglietto: –          Intero: 8,00 euro; –          Over 65: 6,50 euro; –          Bambini (4 – 11): 5,50 euro; –          Gruppi (minimo 25 persone, su prenotazione): 6,50 euro. Informazioni telefoniche su mostra e attività didattiche: – 06.8542355; – 06.3224554; – E-mail: info@presepi.it.      www.rivistadellenazioni.it ; www.presepi.it ;  pagina ufficiale 100 Presepi:  https://www.facebook.com/100-PRESEPI-Roma-Esposizione-Internazionale-Pagina-Ufficiale-201453866600185/  rivista delle nazioni...

Leggi

All Routes lead to Rome. Tutti gli itinerari portano a Roma

La Pro Loco di Roma supporta, per l’edizione del 2016,  All Routes lead to Rome, manifestazione internazionale sul turismo degli itinerari culturali, delle rotte, dei cammini, delle ciclovie, delle antiche vie di storia, cultura e pellegrinaggi.   La valorizzazione dell’Appia Antica, il turismo rurale, la mobilità sostenibile e la sicurezza stradale, l’enogastronomia e la tradizioni: saranno solo alcuni degli argomenti che dall’11 al 20 novembre verranno affrontati a “All Routes lead to Rome” attraverso convegni, mostre, visite guidate, workshop e rievocazioni storiche, suddivise tra Roma e Matera. Grazie alla Sovrintendenza Speciale per il Colosseo e le Aree Archeologiche di Roma, al Museo Nazionale Romano e al Parco Archeologico dell’Appia Antica faranno da palcoscenico per questo atteso evento: Palazzo Massimo per workshop tematici, seminari e conferenze; Le Terme di Diocleziano per esperienze 3D e installazioni d’arte; La Via Appia Antica per itinerari a piedi; Villa Celimontana (sede della Società Geografica Italiana) per un percorso storico fotografico all’interno del territorio laziale; Il Monastero dei SS. Quattro Coronati, la Basilica di San Vitale e la Basilica Sancta Maria ad Martyres (Pantheon) per concerti di musica sacra; L’Auditorium della Conciliazione per il convegno di chiusura. Obiettivi L’intento dichiarato dell’iniziativa è quello di dedicare maggior importanza e attenzione al tema degli itinerari, oltre l’esperienza del Giubileo e dell’Anno nazionale dei Cammini indetto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.Il 2017 sarà l’Anno Mondiale del Turismo Sostenibile dell’ONU e sicuramente i cammini possono diventare un asset fondamentale per la promozione dell’immenso patrimonio culturale italiano, materiale e immateriale. All Routes Lead to Rome è stata ideata dal consorzio Vie Sacre ed è promossa da Cammini d’Europa, Communis Agere e Infosei con il supporto scientifico di Società Geografica Italiana, CTS – Centro Turistico Studentesco e Giovanile e della rete di cicloturismo responsabile Viandando. Può vantare inoltre il patrocinio delle seguenti istituzioni: Consiglio d’Europa Ufficio di Venezia; Pontificio Consiglio per la Cultura; Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo; Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare; ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo; ANCI – Associazione Nazionale Comuni d’Italia; UNPLI – Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia; Federculture; Civita; Federcultura/Confcooperative. Scarica il programma...

Leggi

Fai da te: 3 giorni per imparare lo stile Shabby Chic!

Corso Base Tecnica Shabby Chic Fai da Te La Bottega Shabby, in collaborazione con la Pro Loco di Roma, organizza un corso base per imparare la tecnica shabby chic fai da te. Le lezioni si svolgeranno in tre giornate: Sabato 12 novembre, corso base shabby chic e trasferimento immagine Sabato 26 novembre, corso base tecnica di anticatura e patine, con le cere decorative Sabato 03 dicembre, corso di tecnica chippy e urban look Come partecipare La Bottega Shabby ha pensato a tutti coloro che hanno fatto dello shabby chic il loro stile di vita. Questo corso è rivolto sia a coloro che già si sono cimentati con questa tecnica sia a chi è alla sua prima esperienza. Il costo del corso: per ogni singola lezione, della durata di 8 ore, il costo è di 90 € per tutte e tre le giornate il prezzo scontato è di 250 € Per partecipare è necessario portare, per ogni evento, un piccolo mobile o oggetto da restaurare e, preventivamente, inviare una foto dello stesso all’ indirizzo mail info@labottegashabby.com. Al momento dell’iscrizione è richiesto il versamento del 50% dell’importo. Cosa ti offriamo pranzo e pausa caffè sono offerti dall’ organizzazione i materiali utilizzati nelle lezioni sono interamente messi a disposizione da “La Bottega Shabby” ad ogni partecipante saranno distribuite dispense con le diverse tecniche apprese a fine corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione Tecniche affrontate: Trasferimento immagine:  è una tecnica attraverso la quale immagini e decorazioni possono essere trasferite su oggetti di arredamento. Anticatura e patine con cere decorative: è una tecnica che consiste nel dare un aspetto invecchiato ai mobili attraverso l’utilizzo di particolari cere decorative. Indicata soprattutto nel caso di mobili con dettagli in rilievo. Stile chippy: si tratta di una nuova tendenza che punta a conferire al mobile un aspetto rovinato, quasi a suggerire i segni del passaggio degli anni. La vernice è consumata, assottigliata e scrostata a mimare gli effetti dell’umidità e degli sbalzi di temperatura. Lo stile chippy si sposa molto bene sia con interni rustici che con interni Industrial.   Cosa aspettate? Affrettatevi a prenotare, i posti sono limitati!           La Bottega Shabby Via Giorgio Scalia, 16 00136 Roma (Metro Cipro) info@labottegashabby.com 06/39734317 – mob....

Leggi

Donazione Pro Loco Roma

Da 7 anni la Pro Loco Roma si impegna per promuovere e organizzare iniziative culturali nel Comune di Roma e per offrire al turista italiano e straniero un’ immagine della città in cui si fondono gli aspetti turistico, culturale, naturalistico, storico, sociale ed eno-gastronomico. Con una donazione alla Pro Loco Roma aiuti a  valorizzare il Patrimonio culturale Romano, senza dimenticare le periferie. Scegli di finanziare le nostre iniziative con una donazione libera, o sostienici diventando un Volontario Pro Loco! Puoi sostenerci donandoci il 5 x 1000: C.F. 97440260582...

Leggi

Orto Botanico di Roma

Apertura stagionale: Tutto l’anno Parcheggio auto: No Accessibilità disabili: Si Convenzionato Unplicard: No Costo: intero 8,00 €, ridotto 4€ Mezzi pubblici: Autobus Urbano – Taxi – Metropolitana Visualizzazione ingrandita della mappa Orto Botanico di Roma Nel pieno del centro storico di Roma, arrampicati tra il quartiere di Trastevere e il Gianicolo, si sviluppano i 12 ettari dell’Orto Botanico di Roma. Un polmone verde talvolta sconosciuto agli stessi cittadini romani e gestito dal dipartimento di Biologia Ambientale dell’Università di Roma La Sapienza. Il complesso, in cui è possibile osservare varietà botaniche provenienti da tutto il mondo, si inserisce in una tradizione cittadina di giardini dall’importante valore scientifico-naturalistico. Già nel XIII secolo per volontà del pontefice Nicolò III venne creato un Pomerium, cioè un terreno agricolo destinato a coltivazioni per la corte papale. Nel corso dei secoli, nei Giardini Vaticani. nacque il primo esempio di orto botanico e nel 1514 venne istituita da Leone X, presso l’Università, la prima cattedra per l’insegnamento delle piante medicinali.  Successivamente la residenza abituale dei papi si spostò momentaneamente presso il Quirinale e l’orto botanico vaticano venne lasciato in stato di totale abbandono. Papa Alessandro VII decise pertanto di destinare un’area sul colle del Gianicolo alla creazione del nuovo orto botanico universitario. Dopo numerose dislocazioni, nel 1883 l’orto botanico venne definitivamente collocato presso Villa Corsini alla Lungara, che lo Stato Italiano acquistò da Tommaso Corsini per realizzarvi l’Accademia dei Lincei, nel palazzo, e l’orto botanico, nel giardino sottostante. La Villa al momento dell’acquisto possedeva già un importante valore artistico conferitogli dal restauro affidato, nel XVIII secolo, a Ferdinando Fuga. Risalenti al progetto del Fuga sono alcuni capolavori che è tuttora possibile ammirare all’interno del giardino, come la fontana degli undici zampilli e quella dei tritoni. Primo direttore dell’orto fu Pietro Romualdo Pirotta (1884-1928) a cui si deve la realizzazione da zero dell’intera area naturalistica, al tempo costituita solo dall’antico bosco a ridosso del Gianicolo e da due cedri del Libano. Oggi è possibile osservare le più svariate specie vegetali, tra cui il Cedrus deodara, il gruppo dei Dasylirion e millenari Liquidambar orientalis originari della Cina. All’interno dell’orto botanico sono presenti diverse collezioni: –        Le Palme; –        Il Giardino dei non vedenti; –        Il Roseto; –        La valletta delle felci; –        I Bambù; –        Il giardino giapponese; –        Il bosco mediteranno; –        Le gimnosperme; –        Il giardino dei semplici; –        La serra tropicale; –        Vegetazione palustre; –        La serra Corsini; –        La serra monuntale; –        Piante mediterranee. Informazioni  È possibile visitare l’orto botanico dal Lunedì al Sabato nei seguenti orari: –        4 Gennaio – 26 Marzo: dalle ore 9.00 alle ore 17.30 –        Periodo 29 Marzo – 29 Ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 18.30 –       ...

Leggi

Pin It on Pinterest