EVENTO: VENERDI 23 PRESENTAZIONE DE ‘I SOTTERRANEI DI NOTRE DAME’ DI BARBARA FRALE

Venerdì 23 alle ore 16.30 presentazione del libro ‘I sotterranei di Notre Dame’. L’autrice dialogherà con Simona Teodori, responsabile cultura della Pro Loco e con Laura Ingrassia. 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • Tumblr
  • Gmail
  • Yahoo Mail
  • Stampa solo testo

PARIGI, 1301. Perché il re di Francia e i suoi uomini più fidati si aggirano furtivi nei sotterranei di Notre-Dame? Che cosa stanno disperatamente cercando? Filippo il Bello è disposto a tutto pur di scongiurare un evento fatale per il suo regno e la sua discendenza. Anche a mobilitare i migliori consiglieri perché raggiungano Roma: proprio in Vaticano, sotto la protezione del papa, si nasconde il celebre Arnaldo da Villanova, noto come il Catalano, geniale e discusso medico di Bonifacio VIII, un tempo al servizio di Filippo il Bello, poi accusato di praticare la magia. Ora il re lo rivuole presso di sé. Per quale motivo? Il pontefice nutre dei sospetti su quella richiesta e teme che Filippo il Bello stia orchestrando un complotto contro la Santa Sede. Per questo affida il compito di indagare al nipote, Crescenzio Caetani, giovane studente in Medicina, e a Dante Alighieri, delegato della Repubblica di Firenze. Addentrandosi nei meandri della Biblioteca Apostolica, sfogliando inestimabili trattati medici del mondo antico, i due tenteranno di scoprire cos’è che tormenta il monarca più potente della cristianità. Un segreto che il Catalano, custode della tradizione magica dell’Oriente, pare conoscere, ma che non sembra disposto a rivelare…

“I sotterranei di Notre-Dame” l’ultimo romanzo di Barbara Frale, nota storica dell’Archivio Segreto Vaticano non è solo un thriller storico, è qualcosa di più sofisticato e appassionante. Il romanzo si dipana nella narrazione della guerra senza quartiere che Filippo il Bello scatenò contro l’Ordine dei Cavalieri Templari fino alla loro caduta. Una parabola discendente che si concluse proprio sull’Île de la Cité, il 18 marzo 1314 con l’esecuzione del Gran Maestro Jaques De Molay, che venne arso vivo con viso rivolto verso la Cattedrale di Notre Dame. Barbara Frale, nota Medievalista e studiosa affermata delle vicende storiche dei Cavalieri del Tempio, descrive con grande attendibilità e lucido sapere circostanze che da secoli appassionano tutto il mondo, per il mistero che le avvolge e per la grandiosità dei Poteri coinvolti nello scandaloso Processo contro i Cavalieri Templari. La storia, romanzata laddove necessario, di erige su fonti storiche inattaccabili e ci conducono alle reali motivazioni che spinsero il Re di Francia a complottare contro l’Ordine Templare. Motivazioni che non furono solo di ordine politico ed economico ma anche personali, privatissime.

Barbara Frale frequenta l’Università degli Studi della Tuscia-Viterbo, dove diventa la prima studentessa in Italia a laurearsi in Conservazione dei Beni Culturali. La sua tesi di storia medievale, basata sull’esame di oltre 7000 documenti notarili del XIV secolo, è pubblicata dall’editore scientifico Vecchiarelli di Manziana (Orte 1303-1363. La città sul fiume, Manziana 1995) e vince il primo premio ex aequo per le opere inedite e tesi di laurea “Costantino Pavan” della città di San Donà di Piave. Dopo la laurea svolge collaborazioni per il Museo Civico di Viterbo e la Soprintendenza ai Beni Archivistici del Lazio. Nel 1996 consegue il Diploma di specializzazione post lauream in Paleografia, Diplomatica e Archivistica presso la Scuola dell’Archivio Segreto Vaticano, e nel 1998 anche quello in Paleografia Greca. Nel 2000 consegue il dottorato di ricerca in “Storia della società europea” presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Sempre nel 2000, ottiene una borsa di studio dall’Istituto Storico Germanico in Roma (Deutsches Historisches Institut in Rom). Dall’ottobre 2001 è in servizio come Officiale presso l’Archivio Segreto Vaticano.

La Dottoressa Frale pubblica nel 2001, per l’editore scientifico Viella di Roma, una parte dei risultati della tesi di dottorato, svolta sui documenti del processo ai Templari (L’ultima battaglia dei Templari. Dal codice ombra d’obbedienza militare alla costruzione del processo per eresia): la sua tesi è che, nell’atto di accusa lanciato dal re di Francia Filippo IV il Bello che portò al processo a seguito del quale l’ordine fu sciolto, vi fosse una serie di fatti reali opportunamente stravolti dalla pubblicistica regia per costruire l’accusa di eresia, l’unico tipo di reato per i quali l’ordine non godesse della piena immunità. La colpa dei Templari, secondo l’autrice, non era l’eresia ma un rituale segreto d’ingresso come prova d’obbedienza militare che conteneva atti di vilipendio della religione.

Nel 2002 pubblica il saggio Il Papato e il processo ai Templari. L’inedita assoluzione di Chinon alla luce della diplomatica pontificia: analizza e discute il contenuto di una pergamena conservata nell’Archivio Segreto Vaticano e a lungo trascurata dagli storici, la quale conserva gli atti di un’inchiesta svolta da tre cardinali plenipotenziari di papa Clemente V sull’ultimo Gran Maestro dei Templari Jacques de Molay e su altri membri dello Stato Maggiore dell’ordine rinchiusi dal re Filippo il Bello nel Castello di Chinon, a seguito del quale, avendo i capi templari chiesto il perdono della Chiesa, il papa fa concedere loro l’assoluzione. Lo studio della pergamena di Chinon diviene oggetto di attenzione di alcuni storici in ambito internazionale. I risultati della ricerca vengono poi presentati nel saggio I Templari, che riceve critiche positive sulle pagine culturali di diversi quotidiani italiani ed esteri e viene tradotto molte lingue. Il libro riceve la recensione positiva da di Umberto Eco, che chiamerà l’autrice a redigere due capitoli sui Templari all’interno nell’enciclopedia sul Medioevo di cui è il curatore. Alcune tesi sostenute dalla Frale sono accolte da esperti di storia dei Templari, fra cui Malcom Barber, Alain Demurger, Franco Cardini, e Simonetta Cerrini, allieva dello stesso Demurger. L’autrice viene spesso anche citata da autori del giornalismo italiano che scrivono opere di divulgazione, come Corrado Augias e Roberto Giacobbo.

Per semplificare riportiamo un elenco dei lavori dell’a scrittrice e storica Barbara Frale.

L’ultima battaglia dei Templari. Dal codice ombra d’obbedienza militare alla costruzione del processo per eresia, Premessa di Franco Cardini, Roma, Viella, 2001.

Strategia di un delitto. Filippo il Bello e il cerimoniale segreto dei Templari, Firenze, Giunti, 2001.

Il Papato e il processo ai Templari. L’inedita assoluzione di Chinon alla luce della Diplomatica pontificia, Roma, Viella, 2003.

I Templari, Collana Intersezioni, Bologna, Il Mulino, 2004.

I Templari e la Sindone di Cristo, Collana Intersezioni, Bologna, Il Mulino, 2009.

La sindone di Gesù Nazareno, Collana Biblioteca storica, Bologna, Il Mulino, 2009.

La Sindone e il ritratto di Cristo, Roma, Libreria Editrice Vaticana, 2010.

Il Principe e il Pescatore. Pio XII, il nazismo e la tomba di San Pietro, Collezione Le Scie.Nuova Serie, Milano, Mondadori, 2011..

L’inganno del gran rifiuto. La vera storia di Celestino V, papa dimissionario, Introduzione di Franco Cardini, Novara, UTET, 2013

Andare per la Roma dei Templari, Collana Ritrovare l’Italia, Bologna, Il Mulino, 2014.

Crimine di Stato. La diffamazione dei Templari, Firenze, Giunti, 2014.

La guerra di Francesco. Gioventù di un santo ribelle, Novara, UTET, 2016.

La leggenda nera dei Templari, Roma-Bari, Laterza, 2016.

 

 

 

Author: Turismo Roma

Condividi questo articolo su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This