Il Pincio – Il Colle dei Giardini

 

 Il Pincio, il colle dei giardini

Alla passeggiata del Pincio si può accedere tramite le rampe che salgono da Piazza del Popolo, dal Viale di Villa Medici che lo mette in comunicazione con la scalinata e la Chiesa di Trinità dei Monti, dal Viale delle Magnolie e dal cavalcavia sul Muro Torto che lo collega dal 1908 a Villa Borghese. I viali della passeggiata erano stati concepiti fin dalle origini in modo da permettere il passaggio delle carrozze. L’unico accesso rimasto rigorosamente pedonale è quello che si apre sul Viale delle Magnolie. L’accesso monumentale al Pincio si apre su Piazza del Popolo, di cui costituisce una sorta di fondale scenografico con tre prospettive collocate sulle pendici del colle. Queste sono collegate tra loro da piccole rampe di scale e dalla tortuosa e suggestiva Via Gabriele D’Annunzio che, delimitata da alberature secolari e abbellita da fontane, sale sulle pendici del Pincio.

  • La prima prospettiva, realizzata nel 1830, è costituita da tre nicchie, al centro delle quali è posta una statua antica rappresentata da Igea, la dea della salute.
  • La seconda prospettiva, è costituita dal bassorilievo del 1830 raffigurante la Fama che incorona i Geni delle arti e del Commercio, al di sotto del quale è posto un sedile marmoreo con due leoni alati.
  • La terza prospettiva, sulla quale poggia la terrazza del Belvedere, è costituita da una loggia coperta a tre arcate che insiste su una costruzione nella quale sono inserite tre nicchie. Qui nel 1936 fu realizzato un Ninfeo come mostra dell’Acqua Vergine su disegno di Raffaele De Vico ispirato ad un’idea di Valadier. In quest’occasione fu spostata la statua di Vittorio Emanuele che vi si trovava dal 1873.

Alla loggia si accede da due rampe di scale collocate lateralmente. Fra la prima e la seconda prospettiva, a ridosso del primo tornante, è una piccola fontana ovale a scogliera rustica cui è addossata una statua antica detta di Dionisio o di Ermafrodito perché, su di un corpo con fattezze femminili era stata inserita una testa, asportata nel 1970, raffigurante un dio greco. L’attuale sistemazione della fontana è dovuta a Raffaele De Vico che la realizzò nel 1936.

Proseguendo la salita s’incontra l’edificio del Convento di S. Rita e una fontana realizzata con un vascone antico in granito rosso, risalente al II-III secolo, di forma ovale, decorato con una figura di leone dalla quale fuoriesce l’acqua, inserito in un bacino circolare. In fondo al Viale del Pincio si apre un piccolo slargo dove fu innalzato, nel 1883, il monumento bronzeo ai fratelli Enrico e Giovanni Cairoli, garibaldini caduti nel 1867 a Villa Glori. Proseguendo si giunge al piazzale Napoleone I, dal cui Belvedere si gode lo stupendo panorama.

Qui ha inizio la teoria degli uomini illustri, la serie cioè di 228 busti commemorativi collocati a partire dal 1849. Alle spalle del belvedere è un grande slargo, sulla destra è situata la piccola statua di Raffaello Sanzio, realizzata nel 1838, mentre in asse con il piazzale è una fontana rotonda al centro del quale è stato posto nel 1868 il gruppo che rappresenta Mosè affidato alle acque del Nilo. Proseguendo si incontra il Viale dell’Orologio sul quale si trova l’orologio ad acqua il cui meccanismo è generalmente attribuito al padre domenicano Giovanni Battista Embriago. L’idrocronometro fu collocato nel 1873 nell’attuale posizione, al centro di un laghetto circondato da una cancellata di ferro.

Ritornando sul piazzale, si imbocca sulla destra il Viale del Belvedere che termina in un’esedra arborea in cui è collocato il busto di Giuseppe Valdier. Proseguendo si incontra la statua di Esculapio formata da un corpo risalente al V secolo su cui era sistemata una testa che probabilmente risale al IV secolo. A chiusura del viale venne collocata la statua di Cibele, riferibile ad età antoniniana, che insieme alle statue di Polimnia e dell’Abbondanza, oggi davanti all’ingresso di Villa Medici, erano conservate nel palazzo dei Conservatori in Campidoglio. Le tre statue vennero trasferite al Pincio nel 1846. Di seguito fu innalzato nel 1922 il monumento ad Enrico Toti. In fondo al Viale dell’Orologio si trova un edificio in cui sono inseriti due ascensori. Creati nel 1926 per permettere di salire dalla sottostante fermata del tram. Il Viale dell’Obelisco è ancora organizzato in massima parte secondo il progetto originario del Valadier che aveva ideato una fusione tra il giardino all’italiana e il giardino romantico all’inglese. A metà del viale si erge l’obelisco che l’imperatore Adriano aveva dedicato al suo favorito Antinoo: rinvenuto nei pressi di Porta Maggiore, l’obelisco venne trasportato e collocato al Pincio nel 1822 per volere di Pio VII.

Tutta questa zona è organizzata in funzione della Casina Valadier, realizzata nel 1813 da Giuseppe Valadier che ristrutturò il preesistente casino Della Rota in caffè, facendolo diventare uno dei punti focali della passeggiata.

La passeggiata del Pincio è stata realizzata sull’omonimo colle, che già in epoca romana era sede di giardini. In origine il Pincio era detto “Colle dei Giardini”; in seguito venne a risiedervi la Gens Pinciana, dalla quale deriva il suo nome moderno. Fra gli Horti del Pincio erano particolarmente famosi quelli di Locullo, che fu il primo a costruirvi dei giardini a terrazze. Su questo colle sorse nel V sec. d.C. un grande palazzo imperiale, il Pinciano. Fra il 1810 e il 1908 sul colle venne costruita la passeggiata. Nel 1814 l’impero napoleonico si dissolse ma i lavori del Pincio, già iniziati secondo il progetto dell’architetto francese Berthault, proseguirono sotto il restaurato governo pontificio e furono diretti dal Valadier.

Author: Turismo Roma

Condividi questo articolo su

Trackbacks/Pingbacks

  1. Passeggiata Romana - Pro Loco di Roma | Pro Loco di Roma - […] così come Piazza del Popolo,  dall’ architetto Valadier. Passeggiare lungo i viali del Pincio, tra  i busti  raffiguranti gli …
  2. Villa Medici, sede dell’Accademia di Francia a Roma | Pro Loco di Roma - […] Medici si trova vicino Trinità dei Monti, sulla collina del Pincio. Oggi è sede dell’Accademia di Francia. E’ un luogo conosciuto perché …

Invia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Pin It on Pinterest

Share This