Proverbi e Detti Romani

Proverbi e Detti Romani

Da sempre nella nostra città si è soliti chiacchierare attraverso proverbi e detti che ci sono stati tramandati da i nostri nonni.

Scopriamoli Insieme!!

Accosta er pane ar dente che la fame s’arisente

A chi jé rode er culo jé puzza er dito de merda

A chi tocca nun se ‘ngrugna

Acqua passata nun macina più

A fija de vorpe nu’ je s’ensegna la tana

A la prima se perdona, la seconda se bbastona, a la terza se minaccia, a la quarta se sculaccia

A ggocia a ggoccia s’incava la pietra

A l’omo da poco faje accenne er foco

Amico de tutti e de gnisuno è tutt’uno

Andove c’è stato er foco ciarimane la puzza d’abbruciaticcio

Anni e bbicchieri de vino nun se conteno mai!

Ar marito prudenza, a la moje pazienza

A Roma Iddio nun è trino, ma quatrino

A Roma pe’ fa fortuna ce vonno tre d, donne, denari e diavolo

A sapé’ fa’ ‘a scena, quarcosa se ruspa

A ttutto c’è arimedio fora ch’a la morte

A uno a uno se n’annamo tutti

Beato quell’arbero che se pô ricoprì cco’ le su’ foje

Bevo, pecché ho da magnà l’ovo e bevo pecchè ho magnato l’ovo

Basta esse donna pe’ avé’ er segreto de falli beve e cojonalli tutti

Bon’incudine nun ha ppaura der martello

Bonomo vordì cazzaccio

Bruno bbruno, tanto per uno

Can che abbaia… incomincia a corre che si tte pija te se magna

Ccarta bbuttata è ccarta ggiocata

Cent’anni de pianti, nun pagheno un sordo de debiti

C’entra perché ce cape

Chi alleva un fijo l’alleva matto, chi alleva un porco l’alleva grasso

Chi a Roma vvò gode s’ha da ffa frate (o prete) Chi arriccia appiccia, e chi appiccia se spiccia

Chi bazzica cor zoppo ‘mpara a zzoppica’

Chi caca su la neve poi se scopre

Chi ccarezze te fa o tte l’ha ffatta o tte l’ha dda fa’

Chi ccià er pane nun cià li denti, e cchi ccià li denti nun cià er pane

Chi ccià le corna è ll’urtim’a ssapello

Chi ccià quatrini nun va mmai carcerato

Chi ccià er pane, nun c’ha li denti e chi c’ha li denti nun c’ha er pane

Chi ddà e ppoi richiede, San Martino je taja er piede

Chi de speranza vive, disperato more

Chi disse donna disse danno. Je dimo noi a lloro e lloro a nnoi

Chi disse omo disse malannoi

Chi è bella se vede, chi è bona se sa

Chi è in difetto è in sospetto

Chi ffa li conti senza l’oste, li rifà ddu’ vorte

Chi ggioca a llotto in ruvina va de botto

Chi ha cudrini non ha mai torto

Chi ha ffatto trenta facci trentuno

Chi impiccia la matassa se la sbroji

Chi llassa la via vecchia pe’ la nova, mala via trova

Chi mmagna solo se strozza

Chi mena pe’ pprimo mena du’ vorte

Chi nun è bbono pe’ se, nun è bbono manco pe’ ll’antri

Chi nun fa ppazzie in gioventù le fa in vecchiaja

Chi nun sa ffa’ nun sa ccommannà

Chi nun sa ffinge nun sa regna’

Chi ordina paga!

Chi ppiù spenne meno spenne

Chi ppiù strilla, cià ppiù raggione

Chi se china troppo fa véde er culo

Chi sseguita a giocà pperde la borsa

Chi se scusa s’accusa

Chi se serve da sé, è servito come un re

Chi s’impiccia co’ le frasche la minestra je pija de fumo

Chi sparte ha la mejo parte

Chi stupido nasce, stupido ha da morì

Chi tte fa più de mamma, o tte finge o tt’inganna

Chi tte loda in faccia te dice male dedietro a le spalle

Chi vva ppe’ frega’ aresta fregato

Chi va pe’ ‘sti mari, riccoje ‘sti pesci

Chi vive all’osteria pija cazzi pe fischi e nun je pare (pija na cosa pe n’artra e nun se n’accorge)

Chi vvô la fija accarezzi la madre

Chiude la stalla doppo che je so’ scappati li bbovi

Con affetto e sentimento, meno te vedo e mejo me sento

Contro la forza raggion nun vale

Convince più ‘na parola che un carico de bbastonate … cori … che te se fredda l’insalata!

Cor poco se campa, ma cor gnente no

Cosa rara, tièttela cara

Credenza è morta, il mal pagator l’uccise

Cristo ‘n mena mai co’ du’ bbastoni

Da l’amichi me guardi Iddio, da li nemmichi me guardo io Daje daje le cipólle diventeno aje Daje e ddaje pure li piccioni se fanno quaje Da un male ne viè un bene Debbiti e ppeccati chi li fa li paga De li du’ litiganti er terzo gode Dentro ‘a bbotte piccola ce sta er vino bono, ma ‘n quella grossa ce ne sta ‘na cifra Dentro ‘a bbotte piccola ce sta l’aceto De tutti li cristiani li peggio so l’italiani, e fra questi li romani Dico a tte, socera, acciocché ttu, nnora, m’intenni Dimme co’ chi vvai e tte dirò cchi ssei Donna che move l’anca lo pija ‘r culo o poco ce manca Donna che move l’anca si ‘n è mignotta poco ce manca Donna che move l’anca, vacca o poco ce manca Donna che smena er cul come ‘na quaja, si puttana nun è, ppoco se sbaja Donna da poco, faje accenne er fôco Donna de quarant’anni buttela a fiume co’ tutti li panni Donna pelosa o mmatta o virtuosa

E’ mejo avecce cento cani a le coste, che na spina ar culo È mejo ‘n culo callo ‘n panza che ‘na panza calla ‘n culo È mejo largo che attappa che lungo che sciacqua Er bisogno fa ffa’ dde tutto Er carbone o ttigne o scotta Er core nun se sbaja Er demonio nun ‘è poi brutto quanto se dipigne Er fôco purifica, er verde è speranza, er rosso amore e er bianco la pace der core Er gobbo vede la gobba dell’antri gobbi, ma nun riesce a trovasse la sua Er monno è ffatto a scarpette, chi se le caccia e chi se le mette Er pane de casa stufa Er pesce grosso se magna er ciuco Er sordo che nun sente a prima voce, se vede che er discorso nun je piace Er tempo arisana le piaghe Er trotto dell’asino dura poco

Fa bbene scòrdete, fa’ mmale pénsece Faccia roscia, panza moscia Fa quel che er prete dice e non quer che fa Fatte ‘r nòme e va’ a rubbà Fidasse è bbene, nun fidasse è mmejo Fidete der ricco impoverito e nun te fidà der povero arricchito Fìdate della volpe e der tasso, ma nun te fidà della donna dar culo basso Fortunato in amor nun giochi a ccarte Fra ccani nun se mozzicheno

Gallina che nun becca è ssegno ch’ha beccato Giovine ozioso, vecchio bbisognoso Gnente se facci che nun se sappi Gni serpa cià er su’ veleno Gnisuno è sazio de la su’ fortuna Gnisuno sa indove strigne la scarpa, antro che quello che la porta ar piede Gnisuno semo nati imparati

Iggnuno pensi a li fattacci sua Indove c’è l’innocenza c’è la providenza Indove oggi c’entra un deto, domani c’entra la testa Indove sta er Papa sta Roma In gioventù er casino, in vecchiaia Cristo e vino. In tempi de guera, ogni buco è ‘na trincea. In terra de ciechi, beato chi c’ha ‘n occhio

Labbra senza colore: core cattivo e ttraditore La donna è come la castagna: bella de fora e drento la magagna La gatta frettolosa fece i fiji cechi La fame caccia e’ llupo da la tana La farfalla tanto gira intorno al lume, finchè s’abbrucia l’ale La mejo vennetta è er perdono La pace tra la socera e la nôra, dura quanto la neve marzaiola La pazienza se tiè fino ar gargarozzo, e poi se lassa La porta è aperta pe’ cchi porta, e cchi nun porta fora de la porta La robba bbôna nun cià pprezzo La robba che vviè cor finfirinfì, se ne va cor fanfaranfà La sora Camilla, tutti la vonno e nissuno la pija L’arbero s’addrizza da piccolo L’amore nun è bbello si nun è litigarello L’asino indove c’è ccascato una vorta nun ce casca più Le bbelle pe’ diletto, le brutte pe’ dispetto (se mariteno) Le donne cianno er pianto ‘n saccoccia L’erba der vicino… s’a cura da solo Le bucije c’hanno ‘e gambe corte Le cose ce vò appiù a dille che a falle Le donne c’hanno er core peloso Lenticchia beato er corpo ‘ndo se ‘nficca Li bbirboni co’ li bbirboni vanno d’accordo Li mejo bocconi sò der cocov Li peccati de mastro Paolo li piagne mastro Pietro Li quattrini sò ccome la ‘rena, ‘na soffiata e vvóleno Li romani parlano male, ma pensano bbene Li sordi che ariveno co’ er trallarallà se ne rivanno cor lallerallero L’occhio vo’ la parte sua, fora che li cazzotti L’omo, pe’ esse omo, ha da puzzà L’ora de oggi, nun è quella de domani L’uccello ammaliziato nun dà retta a la ciovetta

Madre bbrutta fa li fiji bbelli Male nun fa’, paura nun avé Matrimoni e vvescovati so’ ddar cielo destinati Me dici er Panteon… e dimme ‘a rotonda che nun te capisco Mejo che la panza mia crepi che la bbontà de Ddio se sprechi Mejo dolor de bborsa che ddolor dde core Mejo esse’ amato che ttemuto Mejo esse invidiati che compatiti Mejo esse testa d’alicetta, che ccoda de sturione Mejo faccia tosta, che panza moscia Mejo fortunato nasce, che de bbon parentado esse Mejo povero onorato che ricco sputtanato Mejo puzzà de vino che d’acqua santa Mejo svejasse cor culo gelato che co’ un gelato ar culo Mejo cavallo manzo che ppolledro matto Mercante e pporco stimelo quann’è morto Moje che se ggira ar fischio, p’er marito è solo rischio Moje, pippa e ccane, nun s’impresta manco ar compare Moreno ppiù agnelli che ppecore Morto ‘n papa se ne un antro

‘Na mela fracica ne guasta cento bbone Nebbia bbassa come trova lassa Necessità nun cià llégge Noi romani l’aria der menefrégo l’avémo avuta concessa da Cristo Nun lodà er giorno si nun è nnotte Nu’ spoja’ ‘n artare pe’ vestinne un antro Nun se buggera er cantaro Nun te fa’ cantone che te pisciano addosso Nun te fidà’ dde chi nun se fida

O a Napoli ‘n carozza o ‘a macchia a fa’ er carbone Occhio nero e ccapello bionno prima bbellezza de ‘sto monno Ognuno co’ ‘a farina sua ce fa li gnocchi che je pare Omo che ggiura, cavallo che ssuda, donna piagnente, nun ce crede un’accidente Omo de panza, omo de sostanza Omo de vino nun vale ‘n quatrino Omo incazzito è un merlo ar vischio, la donna è un cacciator de schiopperéte che va a caccià cojoni senza fischio Orecchia longa vita longa

Panza piena, nun penza a panza vota Pe’ conosce bbene ‘a famija, prima ‘a madre e poi la fija Pe’ cconsolasse abbasta guardasse addietro Pe’ la cannellora ‘gni gallina fa l’ova Perdonà è dda omo, scordassene è dda bbestia! Piscia a lletto e ddice ch’ha ssudato Poco e gnente j’è parente P’ogni uccello er su’ nido è bbello

Quanno anche la merda avrà valore i poveri nasceranno senza culo Quanno er diavolo te lecca è sségno che vvo’ l’anima Quann’è vvizzio nun è ppeccato Quanno la bocca magna e er culo renne, in culo alle medicine e a chi le venne Quanno te dice male mozzicheno pure ‘e pecore Quanno te sveji co’ quattro palle, er nemico è alle spalle Quanto fa er bon esempio, nun fanno le bbône parole Quatrini arispargnati, so’ quatrini guadambiati Quello che nun strozza ‘ngrassa

Ragno porta guadagno Regalato è morto e Donato sta ppe’ morì Ricchi o falliti, un pranzo a uffa non dispiace mai Rigalà è mmorto e Ddonato sta ppe’ mori’ Roma è ‘na città devota, ogni strada un convento, ogni casa ‘na mignotta. Roma fu fatta un po’ pé’ vorta.

Sacco vôto nun s’aregge dritto Sa più er matto a ccasa sua Se magna pè campà, no’ pe’ crepà Sempre bbene nun po’ anna’, ssempre male nemmeno Se pijeno più mosche co ‘n pizzico de méle che co ‘n barile d’aceto Se tte ‘ncazzi e poi te scazzi è tutto ‘n cazzo che tte ‘ncazzi. Si a ‘sto monno volete esse contenti vardàteve dedietro e nno ddavanti Si moro e poi arinasco prego Dio de famme rinasce a Roma mia Si nun è zuppa è pan bagnato Si nun sei re, nun fa’ legge nova e lassa er monno come se trova Si Roma c’avesse er porto Napoli sarebbe ‘n orto Si un bacio facesse un bucio tutti li grugni sarebbero sbuciati Soli non se sta bbene manco in paradiso Sotto la panza la mazza avanza Sta’ colli piedi ‘nde le scarpe tua Sparagna,paragna, arriva er gatto e se lo magna Su li gusti nun ce se sputa

Tanto va la gatta al lardo che ce lascia lo zampino Tata e mmamma nun campeno sempre! Te fai come l’antichi che se magnaveno le cocce e buttaveno li fichi Tira più un pelo de femmina che ccento para de bbovi Tre so’ li bben veduti: buffoni, ruffiani e cornuti Troppi galli a cantà, nun se fa mai giorno Tutte le strade porteno a Roma Tutti galantommini ma la robba m’amanca

Va in piazza e ppija consijo, aritorna a ccasa e ffa ccome te pare Vale ppiù la bbona riputazione che ttutto l’oro der monno Vede’ e nun tocca’ è ‘na cosa da crepa’ Vino ballerino, pane canterino e cacio pizzichino

Author: Turismo Roma

Condividi questo articolo su

Invia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Pin It on Pinterest

Share This