Alla scoperta del quartiere Prati con gli Amici del Tevere

L’avventura edilizia di Prati di Castello, tra villini liberty e case popolari. Da Piazza Cavour a Piazza dei Quiriti.

restyling piazza cavour 25 1 12 d0
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • Tumblr
  • Gmail
  • Yahoo Mail
  • Stampa solo testo
1483824224
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • Tumblr
  • Gmail
  • Yahoo Mail
  • Stampa solo testo
romasparita 10939
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • Tumblr
  • Gmail
  • Yahoo Mail
  • Stampa solo testo
53a8166f78a91809f7e6bed7
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • Tumblr
  • Gmail
  • Yahoo Mail
  • Stampa solo testo

 

Per conoscere davvero una città, il segreto è andare a piedi. Lo sanno bene all’Associazione “Amici del Tevere“, da sempre impegnati non solo nella salvaguardia del fiume di Roma, ma anche nella valorizzazione di una città unica al mondo, in cui ogni pietra racconta una storia.

Domenica 22 Ottobre avrete l’opportunità di passeggiare per il magnifico quartiere Prati di Castello, accompagnati dalle guide dell’Associazione.

Sede di eleganti palazzi ottocenteschi intervallati da testimonianze di un più remoto passato, il quartiere che oggi conosciamo è di realizzazione relativamente recente. Nato fuori piano regolatore dopo l’Unità d’Italia, il nuovo rione Prati di Castello si sviluppò  in un’area di campagna considerata malsana a causa delle continue inondazioni del Tevere. Da subito andò a connotarsi come un quartiere “alla piemontese”, per il richiamo all’edilizia ottocentesca di Torino. Scelta non solo stilistica: a sottolineare la politica anticlericale del periodo, non si doveva mai scorgere la cupola di San Pietro. All’eleganza dei palazzi in stile umbertino, si mischia l’estrosità dei villini Liberty, abitazioni destinate ai ceti più abbienti che caratterizzano il rione. Stile liberty che ritroviamo anche nelle vetrate della chiesa Valdese, particolarissimo edificio accolto in una delle tre piazze principali del rione, la splendida Piazza Cavour su cui si staglio il profilo massiccio del Palazzaccio.

Ma la maggior parte delle costruzioni si sviluppa su uno schema di strade ortogonali dove si allineano a schiera caseggiati di cinque piani destinati ad ospitare una popolazione di ceto medio-basso, per lo più di classe impiegatizia. Storia ed urbanistica come sempre si intersecano: frutto di  speculazione edilizia, la costruzione di Prati si lega al fallimento della Banca Romana del 1894, il celebre scandalo che investì l’Italia giolittiana e mostrò gli interessi privati coinvolti nell’espansione di Roma Capitale.

Per conoscere tutta la storia e godervi una passeggiata in ottima compagnia tra gli scorci di Prati, non vi resta che prenotare!

 

L’avventura edilizia di Prati di Castello, tra villini liberty e case popolari. Da Piazza Cavour a Piazza dei Quiriti, organizzata da Associazione Amici del Tevere, Domenica 22 Ottobre, appuntamento ore 9.30 in Piazza Cavour, davanti al monumento di Cavour. Durata passeggiata 2 ore ca.

Costo a persona (compresi auricolari per ascolto della guida): Soci dell’Associazione € 15,00; non-Soci € 18,00 (iscrizione all’Associazione non obbligatoria. Tesseramento per la residua parte del 2017 € 10,00)

Prenotazioni: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3397448084 – 3395852777

Ulteriori informazioni: Associazione Amici del Tevere

 

Author: Turismo Roma

Condividi questo articolo su

Invia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Pin It on Pinterest

Share This